Ariccia, rifiuti: dal 2014 paghi solo quello che produci

0

ARICCIA – Una grande novità per il nuovo anno arriva ad Ariccia. Nel 2014 infatti verrà introdotto un sistema premiante di tariffazione per la raccolta differenziata chiamato “tariffa puntuale”.

 

 

È stata presentata alla cittadinanza dal Sindaco Emilio Cianfanelli, dall’Ass. all’Ambiente Fabrizio Profico e dall’ing. Salvatore Genova della soc. Esper questa nuova modalità, già utilizzata con grande successo in altre parti d’Italia, di rilevazione della produzione di rifiuti da parte di ciascun nucleo familiare.

La tariffa puntuale servirà per monitorare con estrema precisione il conferimento dei rifiuti e premiare con sconti coloro che differenziano e soprattutto riducono la loro produzione del rifiuto. La Esper (società che sta pianificando il nuovo servizio e il nuovo capitolato d’appalto che sarà messo a bando di gara a marzo 2014) stima che con questa modalità Ariccia potrà ridurre i suoi rifiuti totali del 20%, con relativo abbattimento dei costi.

 

“Con la Tariffa puntuale – afferma l’assessore all’Ambiente Fabrizio Profico – chi inquina paga. Un principio che passa con questa nuova modalità è la premialità per il ‘lavoro’ che ogni cittadino fa differenziando. Noi quindi “retribuiremo” con lo sconto chi differenzia bene e riduce il rifiuto.

Nel 2014 abbiamo come obiettivo il 70% di differenziata, ma il nostro vero traguardo è Ariccia Città a Zero Rifiuti, perché tutto può essere riciclato.

Inoltre, altra ottima notizia, è che a gennaio partono i lavori della 2^ isola ecologica per Ariccia sud a via Campoleone, che avrà anche una sezione dedicata al riuso e riciclo di beni ed oggetti usati”.

 

L’ing. Genova della Esper, società di consulenza che opera solo con soggetti pubblici, plaude all’iniziativa dell’Amministrazione che ha inteso far partecipare i cittadini alla definizione di questa nuova metodologia per la raccolta dei rifiuti. Ariccia è il primo Comune italiano, afferma nella sua vasta esperienza, ad aver adottato questa pratica partecipativa.

 

A livello tecnico poi, spiega, la Tariffa puntuale garantirà un servizio “tagliato” sulle esigenze e caratteristiche di ogni singola famiglia (contenitori calibrati per componenti del nucleo familiare e spazi domestici disponibili) e prevede che ogni qual volta si mette fuori il contenitore questo viene svuotato. La tariffa, che ha una quota fissa, sulla parte variabile si calcola in base agli svuotamenti: più espongo, più ritirano il rifiuto, più pago. Con questo metodo (chiamato degli ‘svuotamenti minimi’) si incentiva la cittadinanza  a conferire solo quando i contenitori sono realmente pieni e soprattutto a ritirarli da strade e marciapiedi (perché se sono fuori vengono sempre svuotati come se fossero pieni e contabilizzati), con indubbio vantaggio per il decoro urbano della città.

Altra caratteristica è che il sistema è interamente controllato con trasponder ed informatizzato, quindi la ditta che gestisce la raccolta conosce ogni contenitore e il suo possessore ed è pertanto in grado di rilevare ogni anomalia come, ad esempio, chi non conferisce mai.

 

Inoltre la Tariffa puntuale è uno strumento di tariffazione alternativo alla Tares e che, come detto, permetterà di far pagare in maniera differenziata, e appunto ‘puntuale’, ogni cittadino sulla base dei suoi comportamenti virtuosi.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com