Assegnato il titolo nazionale Enduro, nonostante tutto

0

premiazioni_enduroROCCA DI PAPA/Attualità  – Ieri le premiazioni dei vincitori del campionato italiano e le scuse del vicesindaco

 Alla fine la gara è stata considerata valida, nonostante il boicottaggio e l’annullamento di uno dei quattro percorsi previsti dalla competizione tricolore.  I giudici hanno deciso ugualmente di assegnare il titolo di  Campione italiano di Enduro, risparmiando agli organizzatori una multa dell’ordine di decine di migliaia di euro. Incoronati Alex Lupato, al suo secondo titolo italiano di enduro (vincendo tutte e tre le Ps) e anche Laura Rossin, che conferma la maglia tricolore nella categoria femminile.

Che qualcosa non abbia funzionato è ben evidente. Forse più di qualcosa. Ma le mancanze organizzative,per esempio riguardanti una migliore informazione ai residenti per evitare intromissioni sui tracciati di gara, possono essere tesoro per le prossime gare. Il sabotaggio che si è consumato invece ai danni della competizione e dei circa 200 concorrenti non ha giustificazione alcuna.

LE TRAPPOLE – Dopo il primo avvistamento da parte di un apripista della gara sono state ritrovate lungo il tracciato decine di tavolette di legno con grandi chiodi conficcati e pronti a far danni, strategicamente  occultati nel terreno. Le circostanze hanno destato molta preoccupazione ed hanno costretto l’organizzazione ad annullare il percorso. Sgomento anche tra i partecipanti, che conoscono benissimo i rischi che possono correre bucando una ruota a grande velocità. A ciò vanno aggiunte le deviazioni delle frecce segnaletiche e la viva protesta di molti avventori del bosco.

LE SCUSE – E’ stato il vicesindaco Maurizio Querini a presenziare alla premiazione finale in piazza della Repubblica. “Mi voglio scusare con tutti ipartecipanti e gli organizzatori per quello che è successo – ha dichiarato -, opera di una minoranza di persone che non solo non vogliono il bene di Rocca di Papa ma che addirittura potevano far male seriamente. E’ doveroso per me ricordare che la città non merita di essere oscurata dall’incosciente operato di questa minoranza, e mi auguro che tutti voi avrete la volontà di ritornare a gareggiare nel nostro bel territorio”.

GLI UMORI DEI CONCORRENTI – Ridono, scherzano e aspettano un piatto di pasta i circa 200 partecipanti alla competizione nazionale. Gli è successo di tutto ma per loro conta gareggiare e puntare al titolo, e sono riusciti a trovare il giusto spirito, quello sano dello sport, per affrontare la loro gara. Del resto non è certo la prima volta. Di chiodi sul tracciato ne hanno già visti in altre occasioni. Loro che sono abituati ai trail liguri, piemontesi o lombardi, quello che hanno notato di più è la disaffezione della gente.

“Dispiace che le persone invece di applaudire spargano chiodi – è stato il commento di Martino Fruet, all’attivo 19 titoli mondiali di cross country che l’anno scorso ha gareggiato anche a Nemi -. Noi rappresentiamo una risorsa sportiva non di poco conto, il turismo attivo è quello che sta andando per la maggiore, anche per le famiglie, e le location che avete qui sono molto belle.
I problemi poi ci sono ovunque. Anche in Trentino da noi ci sono delle frizioni per i turisti, soprattutto tedeschi che vengono in bici sui sentieri escursionistici, ma si sta cercando di mediare per non tagliare fuori una fetta consistente di turismo cui non si può voltare le spalle. Certo è che l’organizzazione poteva giocare d’anticipo e controllare i tracciati prima della partenza (cosa che difficilmente si può fare a ridosso della gara perchè nel bosco non è autorizzato il passaggio di moto, ndr)”.
Non siamo noi a rovinare il bosco, noi contribuiamo a tenerlo pulito e in fondo, siamo venuti qui già nei giorni scorsi e abbiamo soggiornato e mangiato nei locali di Rocca di Papa. Ma la gente non ha compreso”.

IL FUTURO – Ora certamente si aprirà una riflessione a posteriori su quanto accaduto e sui ritardi accumulati per le autorizzazioni alla gara, per giungere finalmente alla chiarezza sulla fruibilità dei boschi comunali.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com