Autovelox e ”conflitti”, la TM service chiarisce

0

ROCCA DI PAPA/ attualità – Lettera di Mariachiara Cecilia, responsabile della ”TM SERVICE”

”Buongiorno Direttore,

vorrei chiederle ospitalità sul suo giornale per chiarire degli aspetti riguardanti la mia azienda T.M. Service Srl e il suo operato nell’ambito dell’appalto di servizi prestati nel Comune di Rocca di Papa e mio malgrado, saliti all’onore delle cronache locali da qualche mese a questa parte.

In merito alle interrogazioni sollevate da un consigliere di opposizione e puntualmente riportate da organi di stampa locali sono a precisare quanto segue:

La Società T.M. Service Srl ha attualmente nel suo organico 3 dipendenti regolarmente inquadrati secondo i CCNL di Rocca di Papa, mentre altri 3 dipendenti sempre di Rocca di Papa non lavorano più con noi. Vi sono anche altri tre dipendenti rispettivamente di Roma, Labico e Palombara Sabina.

In merito al fatto che l’assunzione dei due fratelli Onesti fosse stata effettuata in concomitanza con con l’incarico alla nostra società da parte del Comune e quindi non si trattasse di una cortesia bellamente elargita al Comandante, rispondo un fermo no.

Probabilmente il consigliere in questione non sa, (visto che allora non ricopriva tale ruolo) che la mia Società opera per questo servizio nel Comune di Rocca di Papa da Novembre 2007. In quel periodo era Comandante l’allora Maresciallo Fabrizio Gatta, e la T.M. già nell’agosto precedente aveva assunto il Signor Ulderico G. cittadino di Rocca di Papa. L’assunzione del Signor Renato Onesti è avvenuta a novembre 2007 in concomitanza con l’affidamento dell’appalto, e Patrizio Onesti allora era un semplice agente di Polizia Locale. La mia Società si trovava nell’esigenza di dover affrontare un lavoro piuttosto impegnativo col Comune di Rocca di Papa e doveva implementare il proprio personale. Dopo aver visionato decine di curriculum la scelta cadde sui due, tra cui Onesti prossimo alla laurea in giurisprudenza. Gli anni successivi, visto che la mia azienda si era distinta, per precisione, affidabilità, prezzi concorrenziali e soprattutto molta pazienza nell’attesa dei pagamenti, abbiamo continuato a lavorare con Rocca di Papa e fortunatamente anche con altri Comuni limitrofi, a quel punto – visto che anche la sede si era trasferita nel Comune – ho continuato ad offrire lavoro a cittadini roccheggiani. E’ inutile dire che tante persone venivano direttamente nel mio ufficio a chiedere posti di lavoro per loro o i loro congiunti.

Nel 2008 abbiamo assunto il signor Roberto P. che si trovava con moglie e figlia a carico ed era rimasto senza lavoro, nel 2009 la signora Francesca F., che ugualmente era separata e senza lavoro. Nel frattempo il Comandante era cambiato ed era il Dottor Mario De Sclavis. Sempre nel 2009 avemmo bisogno a periodi alterni e per poche ore a settimana di un collaboratore che imbustasse i verbali di due Comuni nostri clienti, e ci avvalemmo del Signor Onesti Lorenzo, che nel frattempo aveva finito scuola e non disdegnava di lavorare anche due ore a settimana per aiutare il fratello. Dopo circa un anno quest’ultimo entrò a far parte del nostro organico distinguendosi per capacità, educazione e voglia di lavorare. Negli anni successivi cambiò di nuovo comandante e arrivò il Dottor Nanni, e solo nell’anno 2012 Patrizio Onesti divenne Comandante della Polizia Locale. A quel punto che dovevo fare? Licenziare i figli? Penso che chiunque l’avrebbe ritenuto un sopruso ed una discriminazione e non vedo perché la mia azienda avrebbe dovuto perdere due elementi preziosi come loro e come del resto gli altri.

A chi si chiede se il Comandante Onesti abbia controllato o meno l’operato della T.M. rispondo che il nostro lavoro si controlla da solo. Ci sono delle scadenze e delle procedure molto stringenti e se non le si rispetta si creano dei danni economici non indifferenti che ricadono direttamente sul Responsabile quindi sul Comandante.

Se si insinua a proposito di qualsiasi altro ‘controllo’, rispondo che tutti i vigili hanno le password per entrare sul software gestionale e apportare qualsiasi tipo di modifica, così come negli archivi cartacei.

Per quanto concerne l’autovelox di proprietà del Comune, vorrei far sapere che era obsoleto già nel lontano 2007. E’ monodirezionale e usa carta termica, mentre i nostri apparecchi sono bidirezionali, digitali, e sono sottoposti annualmente a tutte le manutenzioni e tarature richieste dalla legge.

Il Comune di Rocca di Papa non ci da € 10.000, 00 l’anno per noleggiare l’autovelox, ma ci corrisponde poco più di € 7000,00 iva esclusa per il noleggio in via esclusiva ( prenota circa 20 uscite al mese, ma ne effettua circa 12/15) dell’apparecchio di cui sopra (che costa € 25.000,00, oltre € 1000,00 di manutenzione e € 1000,00 di taratura l’anno), il personale tecnico addetto allo stesso (60 ore mese circa) e il personale addetto all’inserimento dati e al front-office presso il Comando per una media di 130 ore mese (due impiegati), e il costo di € 1,50 per la stampa di ogni verbale che avviene presso una società della città dell’Aquila (la media è di 10.000 verbali l’anno). Da quando questo tipo di servizio non si fattura più sulle sanzioni pagate, il Comune ha avuto un importante risparmio.

Un comune limitrofo per lo stesso numero di verbali (con tre volte il numero di abitanti) impiega a tempo pieno 4 unità di vigili e due amministrativi. Vorrei anche dire che comuni come Frascati e Albano, che hanno rinunciato a tartassare i cittadini come afferma qualche consigliere di minoranza, li tassano con i parcheggi a pagamento che sono moltissimi, ovunque e nei casi come Frascati arrivano a costare anche € 2,00 l’ora.

Per quanto concerne l’opportunità o meno (come mi è stato contestato verbalmente da questi signori) di tenere il figlio del Comandante al lavoro presso il comando (perché l’altro viene sporadicamente come gli altri suoi colleghi), dico che il modus operandi di un’azienda privata non va messo in discussione, dal momento che non sono gli unici a lavorare gomito a gomito con i propri parenti, e che si è sempre svolto tutto con la massima trasparenza.

Ricordiamo che la nostra Società lavora con altri 8 Comuni della Provincia di Roma.

La ringrazio di nuovo e cordialmente la saluto”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com