Dopo il rame, ora rubano anche il platino dei catalizzatori delle marmitte

0

ROCCA DI PAPA  – Registrato già più di un caso nella zona dei Castelli romani. L’ultimo la scorsa notte in via delle Calcare a Rocca di Papa

Pare sia sbarcata anche ai Castelli romani la nuova moda in tema di furti. Dopo il rame, presente nei cimiteri, nelle linee elettriche o nei cantieri edili, a fare gola ai ladri è anche il platino contenuto nei catalizzatori delle marmitte.

Ad essere privata di questo componente, nella scorsa nottata, è stata un’Alfa 147 parcheggiata su via delle Calcare a Rocca di Papa. Danno stimato circa 1.000 euro solo per sostituire il pezzo, abilmente asportato dalla vettura dopo averla probabilmente sollevata con un cric, approfittando dell’oscurità.

Episodi simili pare non siano nuovi ai Castelli romani ai danni proprio di questo tipo di macchina. Un autoricambi della zona pare abbia fornito nuovi catalizzatori a seguito di medesimi furti anche nella città di Albano.

Ad attrarre i criminali molto probabilmente è il fatto che i catalizzatori contengano piccole quantità di platino, palladio e rodio, metalli nobili il cui valore è tanto elevato da rendere appetibili anche pochi grammi, nonostante le delicate operazioni che comporta la loro estrazione.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com