Raccolta ”porta a porta” Campi – Vivaro, passi in avanti

0
ROCCA DI PAPA/ attualità – Approvato un nuovo progetto. Il 15 ottobre dovrebbe partire la campagna informativa, poi via al servizio. Nel 2015 il territorio potrebbe essere completamente ”differenziato”
Rocca di Papa, tra pochi mesi, potrebbe essere interamente coinvolta dal servizio di raccolta differenziata. Nei primi giorni di luglio è stato approvato in sede di Giunta il ”nuovo progetto condiviso con la Provincia di Roma del sistema integrato di raccolta rifiuti urbani ed assimilati nella Città di Rocca di Papa – estensione zone Campi d’Annibale – Vivaro”. La praticità di questo percorso ha preso corpo lo scorso 17 aprile, quando il funzionario incaricato dalla Provincia di Roma ha esaminato il progetto proponendo delle modifiche tecniche che sono state condivise anche dal Responsabile del Settore Risorse Umane a cui fanno capo i servizi di igiene urbana del Comune di Rocca di Papa. Da qui l’inizio di un percorso burocratico che consentirà, secondo quanto previsto, l’attivazione del servizio grazie ad un contributo dell’ente provinciale. Rocca di Papa dovrà invece avviare una capillare opera di informazione sui circa seimila residenti dei Campi d’Annibale e nella frazione del Vivaro, inclusa nell’allargamento operativo del sistema.
Il Comune si è impegnato ad iscrivere nel capitolo del Bilancio 2014 la quota di cofinanziamento per la progettazione e censimento, nonché per la realizzazione delle azioni di informazione e sensibilizzazione rivolte ai cittadini, rimozione contenitori stradali, consegna e distribuzione nuovi contenitori, pari ad €.4.757,12. Ha inoltre dato mandato al Responsabile del Settore Risorse Umane Coordinamento e Partecipazione Popolare affinché dia corso a tutti gli atti necessari per l’inizio della campagna informativa a partire dal 15 ottobre 2014.
Il piano nuovamente in essere ha revocato di fatto la precedente deliberazione di Giunta Comunale n°147 del 04/12/2012, con la quale si approvava il precedente progetto. Rimane il problema legato all’apertura dell’Ecocentro, fondamentale non solo per il normale servizio ma per offrire al territorio un’ottima realizzazione delle percentuali di raccolta volute dall’Europa e non ancora raggiunte su questa area geografica. Circa un mese fa c’è stato il via libera del Consorzio dell’Autorità di Bacino del Tevere. Tutto lascia presupporre che parallelamente all’inizio della campagna di sensibilizzazione sulle nuove pratiche di riciclo, la struttura venga riaperta. Tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo ci potrebbe essere, quindi, l’attesa svolta per la raccolta differenziata in tutta la città, facendo cessare così una ”disparità di trattamento” dei rifiuti che va avanti da quasi sei anni e non senza polemiche e dibattiti.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com