Housing sociale, Mario Gatta: ”Rocca di Papa scelga strade diverse”

0

 

 

ROCCA DI PAPA/politica –Su edilizia convenzionata ed economica il consigliere di minoranza afferma: ”Io credo ci sia bisogno di soluzioni alternative. Conviene altro cemento al paese?”

Housing sociale: il dibattito è aperto. A Rocca di Papa si parla della proposta da tempo, ma senza che sia stata mai presa realmente in considerazione nel luogo deputato: il consiglio comunale. La verità è che nonostante le intenzioni, tutto è da verificare e da accertare. Nel mese di luglio la Commissione Urbanistica si è occupata del caso. Lo conferma il consigliere di minoranza Mario Gatta, che partecipò a quella riunione. ”Non essendo membro di alcuna commissione – afferma Gatta – devo ringraziare la presidente Marika Sciamplicotti per aver accettato la mia proposta di partecipazione, al fine di contribuire ad un dibattito che mi sembra molto importante per la città. Colgo tra l’altro l’occasione per dire che pur non facendo parte delle commissioni consiliari, nessuno, tra maggioranza e minoranza, si è mai preoccupato di questa cosa: evidentemente sta bene così”.

”La proposta di Housing sociale è nata su indicazione del collega di minoranza Fondi, il quale ritiene opportuno di riprogrammare la reintroduzione degli interventi di edilizia economica sul territorio. In merito a queste opere ho richiesto innanzitutto quanto siano necessarie per la nostra città e se hanno funzionato nel resto d’Italia, dato che mi risulta che solo nelle regioni del nord questa soluzione abbia portato vantaggi attraverso la ristrutturazione di abitazioni preesistenti comunali. Ho chiesto inoltre di individuare delle aree pubbliche per realizzarle, perchè sappiamo bene come nei terreni dei privati i costi, inevitabilmente, siano destinati a lievitare. Ho consigliato inoltre una ricognizione della abitazioni non abitate del centro storico, in modo da applicare in certi casi anche il progetto del ”Mutuo sociale” attraverso un incontro tra domanda ed offerta e per ottenere almeno degli affitti calmierati”.

Io penso – afferma Gatta – che in questo momento si debba evitare ulteriore cemento sul nostro territorio e trovare delle alternative valide. Ciò rientra in un ragionamento più complesso per capire quale futuro dare a Rocca di Papa e a quale vocazione introdurla”.

Pur provenendo dai gruppi di minoranza, la proposta dell’housing sociale per Gatta deve essere quindi valutata attentamente. ”A me piace confrontarmi sui veri problemi di Rocca di Papa – ci dice – e non voglio entrare nelle chiacchiere da piazza. E’ venuto il momento di uscire da questa dimensione di ”dormitorio” in cui è finito il paese e pensare al futuro con i giusti criteri. Ci dicessero, in assenza di un Prg, dove vogliono portare questa comunità”.

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com