Rocca di Papa, “Si accende il borgo”: una cascata di emozioni tra arte e poesia

0

ROCCA DI PAPA / Cultura – Ieri il teatro civico ha ospitato la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale e di fotografia indetti dal Laboratorio Centro Storico

Un concorso di poesia che si è trasformato in gioia dell’incontro, veicolando emozioni e commozioni, congiungendo mani, estro e fantasia da ogni parte d’Italia. Ieri, la cerimonia di premiazione di  “Si accende il borgo 2014”, al termine di una lunga serie di serate dedicate al centro storico dal titolo “Dal buio alla luce”, è stato un concentrato di sorrisi e empatie, sussurrate dalla suadente voce di Paolo Di Santo, perfetto interprete dei numerosissimi componimenti premiati.

Sul palco Aurora De Luca, deus ex machina del concorso che giunto alla seconda edizione si è già imposto come appuntamento di prestigio nel panorama letterario, quest’anno con la partecipazione dell’Iplac, “Insieme per la cultura”. Proprio il circolo letterario, riconosciuto in tutta la Penisola, ha voluto omaggiare, tramite Maria Rizzi presente in sala, proprio Aurora per l’impegno per la cultura e la riuscita dell’evento.

Accanto a Aurora lo scrittore Roberto De Luca, membro della giuria e il critico Franco Campegiani.

A fare gli onori di casa la coordinatrice del Laboratorio Centro Storico Marika Sciamplicotti, che, accompagnata dalla giovanissima Caterina, già promettente scrittrice, ha voluto ringraziare tutti gli artisti e i sostenitori delle iniziative che hanno animato il borgo all’insegna dell’arte, declinata in tutte le sue forme.

Anche il primo cittadino Pasquale Boccia ha voluto  dare il benvenuto a tutti i presenti sottolineando la vocazione artistica della città di Rocca di Papa, non solo per la presenza di numerosi scrittori ma anche per i murales che impreziosiscono i vicoli del centro storico, vero fulcro delle radici e tradizioni della comunità che questo concorso contribuisce a mettere in luce garantendone la longevità.

E’ toccato invece alla giornalista Valeria Quintiliani premiare un componimento dedicato alla disabilità e alla ricchezza dell’essere diversi, a testimonianza di come il concorso di poesia sia riuscito a toccare in tanti le corde dell’anima, stimolando la scrittura e la voglia di mettersi a nudo, imprimendo sul foglio i propri sentimenti e pensieri, per connettersi con il cuore di chi legge e ascolta.  Al presidente della Pro Loco Emiliano D’Andrea il compito di assegnare il premio intitolato all’indimenticato membro del direttivo Luciano Ciavarella.

Premiati anche i tre vincitori del concorso di fotografia “Rosse emozioni d’estate” curato da Paola Rufini e Alessia Tino, anche questo deputato a diventare un catalizzatore di arte a livello nazionale.

Per tutti, premiati e amici di sempre del Laboratorio Centro Storico, attestati di merito, una rosa e le tradizionali ciambelle degli sposi.

Al termine della cerimonia anche il pittore Franco Carfagna ha voluto omaggiare Aurora donandole un suo quadro ispirato alla luce con cui la giovane scrittrice ha illuminato il borgo.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com