Centro equestre federale, avanti col protocollo d’intesa

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – Il sindaco Boccia: “E’ il momento di dare una svolta concreta al tavolo che stiamo portando avanti da tempo” 

Ieri pomeriggio si è svolta la seconda audizione presso la Regione Lazio sulla spinosa questione del Centro equestre federale dei Pratoni del Vivaro, chiuso da luglio 2013. Intorno al tavolo, ancora una colta, si sono seduti i rappresentanti dei Comuni di Rocca di Papa, Rocca Priora e Ariccia, insieme al presidente della Comunità Montana, l’Accademia Caprilli, il Parco dei Castelli romani e il presidente Eugenio Patanè.

Stavolta i presenti hanno convenuto di concretizzare gli sforzi unanimi con la predisposizione di un protocollo di intesa con il quale formalizzare la richiesta di affidamento del Centro da parte del Coni, che già in passato, in occasione dell’ultimo incontro con il presidente Giovanni Malagò, si era detto favorevole.

I termini del protocollo, che ruota intorno alla proposta di gestione avanzata dall’atleta olimpico Mauro Checcoli dell’Accademia Caprilli, sono ora al vaglio delle istituzioni, che dovranno formalizzare la proposta di accordo, che non può prescindere dalla compartecipazione, soprattutto in termini economici, non solo del Coni ma anche della Regione Lazio.

“E’ il momento di dare una svolta concreta al tavolo che stiamo portando avanti da tempo – dichiara il sindaco di Rocca di Papa Pasquale Boccia -. E’ importante in questa fase che venga chiarito il grado di coinvolgimento della Regione Lazio in questo progetto, in cui noi crediamo fortemente, per consentire la riapertura e per salvaguardarne l’alto valore ambientale e paesistico del centro equestre, nonché per l’arricchimento dell’offerta turistico-sportiva dei Castelli Romani”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com