ll corpo come strumento musicale, arriva a Rocca di Papa un centro di “MusicArTerapia nella globalità dei linguaggi”

0

daniele_brandolini ROCCA DI PAPA / Attualità – Attraverso lo studio dei linguaggi verbali e non verbali l’obiettivo è quello di individuare vissuti negativi passati che influenzano il presente di una persona a livello psicosomatico

Sta per nascere a Rocca di Papa un centro operativo di “MusicArTerapia nella globalità dei linguaggi”, una disciplina formativa nella comunicazione ed espressione con finalità di ricerca, educazione, animazione, riabilitazione e terapia ideata da Stefania Guerra nel corso degli ultimi trent’ anni.
Per comprendere meglio di cosa si tratta ne abbiamo parlato con l’ideatore del progetto Daniele Brandolini, che gestirà il centro sito in via Corso Costituente 21, int. 1/2.

Il tuo progetto si chiama “Persona perSuonare”, perchè questo nome?

Persona per Suonare” vuole essere un messaggio, ma anche un gioco di parole… un gioco di parole che aiuta a intendere il senso che trascende il significato “letterale”, non lo si può comprendere solamente attraverso il senso logico ma anche in senso onomatopeico… dove il “perSuonare” restituisce al termine “Persona” il suo Suono…o chi Sono!
Il termine persona deriva dal verbo latino “personare”, che significa “parlare attraverso”, quindi rimanda a uno scopo che sarebbe, per l’appunto, il “per suonare” o “ciò che è attraversato dal suono”…un Suono-Sono che è anche la parola!
La MusicArTerapia nella Globalità dei Linguaggi, studia i linguaggi da quelli verbali a quelli non verbali, ovvero i linguaggi del corpo dove la postura o il movimento fisico possono assumere un espressione sonora; la materia, anche se all’apparenza appare priva di vitalità, a livello microcellulare è in movimento costante, quindi continuamente informa la realtà della sua presenza…ovvero che c’è. L’essere umano è inserito all’interno di ciò, ovvero una “realtà vibratoria” dove ogni cosa suona e risuona in moto perpetuo andando ad autodeterminare la propria esistenza. L’identità della persona si svela nell’affermazione di sè in relazione ad eventi che viviamo nel quotidiano, quindi nel modo in cui si propone o risponde alla vita.

Il corpo è paragonato a uno strumento musicale, quindi il messaggio che vuole comunicare il nome del centro è di “riCordare-acCordare” la Corda strumento delle potenzialità umane che sarebbe un Filo…la Filogenesi, ovvero la nostra storia, la nostra origine …oriGene!

 Quali sono gli obiettivi che persegue la tua attività?

  • valorizzare tutta la Vita…in special modo quella dell’essere umano, in qualsiasi condizione psicofisica…dove fino a quando c’è vita c’è qualcosa da imparare, da cui possiamo trarre giovamento
  • l’Integrazione a 360°, ovvero ricreare un grembo sociale che accoglie senza giudicare e che ti valorizza per quello che sei, ovvero  l’unicità del singolo che può diventare l’unicità del gruppo
  • offrire un opportunità terapeutica alternativa o progetto di vita dove al centro c’è l’essere umano con la sua Unicità
  • valorizzare la Bellezza e il Piacere di vivere come stati, esperienze, manifestazioni di ben-essere della realtà umana e cosmica, da vivere, riconoscere e promuovere in tutte le condizioni umane
  • fermare la disumanizzazione 

In che modo?

Riteniamo che l’origine di diverse forme di malessere derivino dal vissuto negativo che, imprimendosi nelle memorie della persona a livello psicosomatico, riprendono forma nel presente. Attraverso l’individuazione del canale stimolativo appropriato per l’individuo ( ricordo che ogni essere umano è Unico, quindi ogni percorso terapeutico è ideato in base alle necessità di questa unicità), si possono ricreare condizioni favorevoli per lo “sviluppo dell’avviluppo”, ovvero per sciogliere il nodo della negatività che blocca le potenzialità latenti. Quindi si riporta alla luce la presenza del ricordo negativo per prenderne coscienza.

 Chi può fare riferimento al tuo centro?

Gli ambiti di azione della MusicArTerapia nella globalità dei linguaggi sono:

  • pre e postnatalità sia nel bambino che nella madre
  • sviluppo, crescita post-natale, adolescenziale e post-adolescenziale
  • disturbi nell’apprendimento
  • disturbi cognitivi
  • senilità
  • autismo, psicosi, handicappato, sindrome di down, alzheimer, cerebroleso
  • coma
  • all’essere umano in generale

quindi ci occupiamo di :

  • Preparazione al parto
  • Iniziative di formazione dei genitori
  • Reparti maternità
  • Asili Nido
  • Scuole di ogni ordine e grado
  • Centri sociali e ricreativi
  • Servizi Socio-sanitari di integrazione, riabilitazione, prevenzione e recupero delle tossicodipendenze, psichiatria (Ospedali, Centri, Residenze), anziani e Alzheimer, risveglio dal coma, malati di Aids, malati in fase terminale
  • Eventi di integrazione con le espressioni artistiche:
    teatro, danza, arti plastiche, grafiche, pittoriche, musicali
  • Università, Conservatori di musica, Istituti d’arte, teatro, danza:
    ricerca e formazione in discipline artistiche e in aree pedagogiche, psicologiche, semiologiche, antropologiche

 Puoi farci un esempio concreto di come la Musicarterapia nella globalità dei linguaggi possa fornire strumenti terapeutici?

I canali o strumenti attraverso cui può avvenire una guarigione sono molteplici. Il termine “Globalità dei Linguaggi” significa anche “con tutti i linguaggi“, ovvero che non si pone limite su cosa può essere o diventare uno strumento di dialogo, quindi di rielaborazione.
Un esempio può essere la “Terapia con il Colore”:
Il colore da vita alla materia, da un senso, indica ciò che sta avvenendo oppure ciò che è sul punto di avvenire, oppure ciò che è stato o ciò che vorremmo che sia. Il colore ci parla, comunica con noi e ci aiuta a connetterci con le parti più profonde dell’essere. Quindi la libera espressività cromatica nel disegno o nella grafica o nella pittura, senza dover necessariamente applicare metodi in particolare, può far emergere delle emozioni dimenticate e dei simboli che diventano chiavi interpretative, per aprire la porta della guarigione o rinascita.

Oppure la “Terapia con le Materie“, dove per materia intendiamo qualsiasi cosa generi un input sensoriale o extrasensoriale; quindi le materie hanno un proprio bagaglio informativo che, attraverso la stimolazione plurisensoriale, può suscitare il ricordo di vissuti attraverso le sinestesie che, in questo caso, viaggiano in stretto rapporto con le emozioni, in quanto possono essere considerate come l’inchiostro che si imprime nel corpo-memoria e che quindi genera il ricordo. La sinestesia è la capacità innata in ogni essere umano che gli permette di trasposizionare il linguaggio dei sensi. Ovvero, es: sentire in una stimolazione tattile la presenza di un ricordo rievocativo appartenente a un vissuto uditivo o gustativo o visivo o olfattivo…. Oppure sentire in una stimolazione olfattiva la presenza di un ricordo rievocativo di un vissuto appartenente agli altri sensi…Cosi via discorrendo per ogni stimolazione sensoriale. Diciamo che possiamo accostare la sinestesia all’idea di una “macchina del tempo”, capace di rievocare la presenza di esperienze vissute e che erano nascoste nei meandri dell’inconscio. I materiali più comunemente usati sono: il miele, il cioccolato, la sabbia, la terra, l’acqua, l’acqua con sapone, la schiuma, l’argilla, varietà di carte, tessuti, ecc…

Un altro esempio è la “Terapia con il suono”, dove il centro dispone di strumenti all’avanguardia di “Terapia VibroAcustica” (VAT) come la “Poltrona sonora”, il “Tamburo a fessura” e il “Reverie Harp”. Questi strumenti sono apprezzati sia negli Stati Uniti che negli altri paesi dell’Unione Europea, come Germania ed Inghilterra, ed in breve hanno la capacità di compiere dei massaggi sonori a livello microcellulare per riarmonizzare eventuali disarmonie. Disponiamo anche di strumenti per l’amplificazione sonora, quindi durante queste pratiche si andranno ad ascoltare anche dei suoni naturali come l’acqua, la sabbia, soffi di aria, legni, sassolini, ecc…

Ognuna di queste pratica può venire incontro alle diverse esigenze, quindi si rivolge all’essere umano in generale. Questi sono alcuni esempi illustrativi, ma ci sono anche altre possibilità.

 

 Contatti:

per appuntamento: 06/9499491

per info: 3774737462      email: danielebrandolini.db@gmail.com

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com