La Tari a Rocca di Papa: un Natale difficile

0

ROCCA DI PAPA/ attualità –  Aumenti fino all’80%. Molte le critiche

A Rocca di Papa in questi giorni è l’argomento più discusso. La Tari è arrivata e il web, con la sua ironia, ha attaccato la stangata con vignette e volantini satirici. Molti i cittadini che si sono visti recapitare a casa bollette maggiorate rispetto allo scorso anno del 60-80%. Una batosta che arriva proprio nel periodo in cui i consumi dovrebbero volare grazie a tredicesime e shopping. Qualcuno si è forse salvato dagli aumenti. Cantine e negozi, nella filosofia del provvedimento emanato dal Comune, dovrebbero pagare di meno (ma anche qui la protesta circola), come le famiglie composte da una sola persona o determinate e circoscritte categorie commerciali.

A causa di problemi tecnici di ricezione tardiva della posta, il Comune non  provvederà a sanzioni. C’è la possibilità, comunque, di rateizzare l’importo. E mentre le minoranze incalzano ed attaccano l’amministrazione per quanto accaduto, il caro-bollette ora rischia di incrementare il tasso di evasione sul territorio (già oltre il 30%). Infine la solita riflessione: a Rocca di Papa, come nel resto d’Italia, si potrebbe pagare meno se tutti fossero ligi al dovere, se i servizi funzionassero a regime, se tutte le strutture adibite allo smaltimento dei rifiuti (l’apertura dell’Ecocentro dovrebbe aiutare questo processo) e se la raccolta porta a porta fosse estesa a tutto il territorio con criteri di qualità. Fattori su cui l’amministrazione afferma di essere impegnata da tempo, con la precisa missione di migliorare tutto il comparto nel 2015. Un atto comunque doveroso per conquistare la tanto agognata a mai raggiunta equità fiscale e sociale.

Intanto il Comune ha pubblicato il seguente avviso: 

”Si avvisano i contribuenti che in questi giorni stanno arrivando gli avvisi di pagamento del SALDO della Tassa Rifiuti – TA.RI. anno 2014, con scadenza 16 dicembre 2014.

Le somme sono state determinate in base alle tariffe approvate con deliberazione di Consiglio Comunale n. 46 del 22 ottobre 2014, stornate dell’acconto richiesto con scadenze 31/08/2014 e 30/09/2014. Nel caso in cui l’acconto non fosse stato ancora pagato, il contribuente dovrà

versare lo stesso contestualmente al pagamento del SALDO. Il versamento del SALDO dovrà essere effettuato a mezzo del modello di pagamento unificato “F24 SEMPLIFICATO” già precompilato e allegato all’avviso di pagamento.

Si precisa che il contribuente è tenuto al pagamento della tassa ad avvenuto ricevimento dell’avviso di pagamento; pertanto, nel caso in cui l’avviso suddetto fosse stato recapitato in data successiva al 16 dicembre 2014, non verranno applicate sanzioni o interessi per ritardato versamento. Si comunica altresì che gli importi da versare a SALDO TA.RI. 2014 potranno essere rateizzati, su richiesta del contribuente, ai sensi della normativa di riferimento e del vigente regolamento comunale”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com