Il Parco Regionale Castelli Romani nel progetto ”International Waterbird Census”

0

ROCCA DI PAPA/ attualità – Il Parco regionale dei Castelli Romani è stato coinvolto, anche quest’anno, nel progetto “International Waterbird Census” al quale partecipano Paesi europei e dell’area mediterranea. I destinatari del progetto sono Enti pubblici, amministrazioni locali, ricercatori e docenti universitari, associazioni e gruppi di ornitologi.

Il progetto di rilevazione che è stato avviato verso la metà degli anni Ottanta, con la costituzione  di un partenariato internazionale gestito da un’organizzazione no-profit “Wetlands International”, è nato con l’obiettivo di censire tutti gli individui presenti, delle diverse specie dell’avifauna acquatica svernante, individuate secondo un criterio tassonomico, ed è coordinato a livello nazionale dall’ISPRA.

Attraverso l’attuazione del progetto, si ottiene il monitoraggio, per molte regioni italiane, della quasi totalità delle zone umide esistenti sul territorio nazionale, e i dati che vengono raccolti da esperti rilevatori, sono utili a: stimare le dimensioni delle popolazioni delle varie specie di uccelli acquatici, quantificare i popolamenti locali e definire il valore dei siti, descrivere le variazioni numeriche e distributive delle popolazioni delle diverse specie, far confluire i dati in archivi internazionali che rendano possibile le loro analisi sia a livello globale che nazionale e locale.

Il rilevamento, che in Italia si è svolto dal 7 al 23 gennaio 2015, ha interessato, nel Parco regionale dei Castelli Romani, le zone del Lago Albano e del Lago di Nemi.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com