Torymus V/S Cinipide: i tecnici ispezionano il bosco di Rocca di Papa per verificare la vitalità del castagno

0

ROCCA DI PAPA/ Attualità – In mattinata la raccolta delle galle provocate dall’insetto killer da inviare in laboratorio per essere analizzate

Sono in corso le attività di monitoraggio dell’azione benefica del Torymus nei boschi di Rocca di Papa,l ‘insetto antagonista dell’ormai arcinoto Cinipide, lanciato nel 2013 anche sul nostro territorio. Stamane, i tecnici dell’ufficio fitosanitario della Regione Lazio, del Parco dei Castelli romani, dell’associazione “Alveare – Amici del Castagno”, insieme agli agenti della Polizia Locale, stanno effettuando la raccolta delle galle, il rigonfiamento sui rami dei castagni provocati dagli attacchi del Cinipide, l’insetto cinese che da svariati anni sta danneggiando il prezioso patrimonio boschivo, causando perdita progressiva di foglie, frutti e vigore nelle piante.

Il materiale raccolto sarà poi inviato per le analisi del caso all’ufficio fitosanitario di Caprarola, in provincia di Viterbo, per verificare se ci sono stati e in quale misura dei benefici prodotti dai lanci del Torymus, le cui larve uccidono quelle del Cinipide, distanza di due anni. Ci sarebbe comunque una certa fiducia in una, seppur lenta, ripresa della vitalità dei boschi del territorio, che da qualche anno a questa parte ha avuto come effetto maggiormente tangibile per tutta la cittadinanza la quasi assenza di produzione di castagne, simbolo della città.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com