Luigi Marazzi e le sue “Lost Stones”: pietre che trasudano vita

0

sculture_luigi marazziROCCA DI PAPA / Storie – Il docente del liceo artistico San Giuseppe di Grottaferrata è l’autore anche di un murales in via dell’Osservatorio a Rocca di Papa

Le forme sembrano uscir fuori dalla pietra quasi  in un gesto liberatorio, linee suggestive come prolungamento di una materia che prende forma e si concretizza; la potenza della vita scorre sulla roccia solamente abbozzata, in un alone di oscuro fascino indefinito.

E’ Luigi Marazzi, docente presso l’Istituto San Giuseppe di Grottaferrata, l’autore di affascinanti opere in pietra, presto in mostra presso l’Ambasciata americana di Roma.

Rocca di Papa ha imparato già a conoscerlo, lui e alcuni suoi allievi, in occasione della scorsa sagra delle castagne, quando un gruppo di studenti, guidato proprio dal docente Luigi Marazzi, ha realizzato nuovi murales di via dell’Osservatorio, poi presentati nel giorno dell’inaugurazione della festa, in un gemellaggio artistico che ha impreziosito ancor più la vocazione della città di Rocca di Papa.murakles35

Sempre in contatto con gli artisti della nostra città, Luigi esporrà le sue opere per tutto il mese di giugno, come si diceva, presso l’Ambasciata americana a Roma. La mostra dell’artista, che nasce come scultore e solo in seguito come insegnante di materie plastiche,  si intitola “Lost Stones”. Un amore e una passione nati e cresciuti durante gli studi all’Accademia, che un Luigi già maggiorenne ha coltivato negli anni fino alla maturazione di oggi.

La pietra,  modellata sapientemente e pigmentata con colori che richiamano la naturalezza, diventa uomo, sensazioni, dolore. Ci sono immagini sacre, la crocifissione, la maternità. Figure che quasi si confondono nella roccia, come fossero resti di un’antica civiltà misteriosa, dei reperti archeologici di inestimabile valore, da preservare ed ammirare nel tempo.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com