Rocca di Papa, richiesta di commissariamento e rendiconto saltato: la parola all’assessore Querini

0

querini_maurizio1ROCCA DI PAPA/ Attualità – A seguito del mancato rispetto della scadenza del 30 aprile per l’approvazione del rendiconto nella scorsa seduta consiliare, i consiglieri Comunali, Fondi Enrico, Romei Danilo,Crestini Emanuele hanno inviato una richiesta di commissariamento del Comune al Prefetto.

Nella suddetta seduta consiliare l’assise si era riunita per discutere le mozioni all’ordine del giorno, e la maggioranza aveva dato poi d spiegazioni della mancata approvazione per bocca dell’assessore al Bilancio Maurizio Querini.

“L’avvio dell’armonizzazione del nuovo sistema di regole contabili costituisce una fondamentale occasione per rendere più leggibili i conti e gli schemi di bilancio dell’Ente. Da questa procedura, però, discendono alcuni adempimenti complessi, tra i quali il riaccertamento straordinario dei residui, da approvare in Giunta – spiega l’assessore -.

Si tratta di un’operazione tesa a riportare piena chiarezza nella reale dimensione degli equilibri di bilancio degli enti locali, alla quale si affianca la necessità di coinvolgere tutti i responsabili della gestione in un puntuale e rigoroso lavoro di revisione contabile.

Tale attività consente di realizzare un’operazione di aggiornamento e revisione dei residui, per renderli coerenti e corrispondenti al nuovo principio della competenza finanziaria potenziata, introdotto dal Decreto legislativo 118/2011, garantendo così la definitiva transizione al nuovo sistema contabile.

In questo contesto, tutto orientato a evitare i rischi di un riaccertamento straordinario condotto in modo frettoloso e non corretto, molti sono stati i gridi di allarme dei Comuni d’Italia, impossibilitati, per difficoltà tecniche, a rispettare il termine ultimo per l’approvazione del rendiconto fissato per legge, vale a dire il 30 aprile 2015.

Agli adempimenti connessi all’avvio della nuova contabilità pubblica si aggiungono inoltre ulteriori impegni, che complicano ulteriormente le procedure, come l’aggiornamento delle informazioni relative ai fabbisogni standard, la recente introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica, che comporta rilevanti interventi organizzativi e tecnologici e gli obblighi connessi al nuovo regime dello split payment per i pagamenti alla Pubblica Amministrazione”.

“Avremmo potuto mandare deserto lo scorso consiglio comunale – aggiunge Querini -, invece abbiamo preferito, per dovere istituzionale, presentarci e discutere alcune mozioni presentate dall’opposizione, e per dare conto della situazione. Ci spiace verificare che parte della minoranza non abbia colto il nostro rispetto e la nostra apertura su un argomento importante come la nuova normativa contabile, preferendo speculare su una situazione di carattere nazionale, in cui è ben noto che l’Anci nazionale abbia chiesto ripetutamente una proroga e che molti Comuni, anche vicini al nostro, sono nella nostra stessa situazione.

E’ bene comunque sapere che gli uffici comunali, nonostante le azioni intraprese dai gufi di professione, stanno lavorando assiduamente per completare le procedure entro il prossimo consiglio comunale, che sarà fissato intorno al prossimo 20 maggio”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com