”Dio c’era”, successo in aula consiliare per il libro di Pasquale Ciampa

0

ciampa (3)DI PAPA/ cultura – Sala gremita per un protagonista della città e della sua professione

L’aula consiliare di Rocca di Papa ha celebrato, ieri pomeriggio, la presentazione del libro ”Dio c’era” dell’avvocato Pasquale Ciampa, già sindaco di Rocca di Papa. L’evento ha avuto luogo alla presenza di politici, avvocati, cittadini, membri della Protezione Civile, della Polizia Locale e del mondo associazionistico locale. Introdotto e coordinato dall’avv. Silvio Casciotti. il dibattito ha visto gli interventi del sindaco Pasquale Boccia, del Magistrato del Tribunale di Velletri dott.ssa Alessandra Ilari, dell’avv. Maurizio Frasacco, della presidentessa dell’ass. Culturale ”L’Osservatorio” Maria Fondi e della Prof.ssa Patrizia Pezzini. Tutti quanti i relatori hanno speso parole di grande elogio per l’avvocato Ciampa, sia per la sua storia professionale e sia per la sorpresa di aver scoperto uno scrittore di spessore.

Il sindaco Pasquale Boccia ha ricordato il passato, seppur breve, del Ciampa politico e sindaco della città: ”Un uomo – ha detto – che ha lasciato un’impronta di serietà e passione. D’altronde viene come me da una terra del fuoco, dalla terra del Vesuvio. Ciò che mi colpisce della sua opera è il fatto di aver narrato di una vicenda umana e quando si parla delle persone si lascia sempre un messaggio di ciò che si è o su cosa si sente. E mi piace anche sottolineare che in questo libro emergono fiducia e l’ottimismo, sentimenti di cui abbiamo bisogno in questo periodo storico”. Una caratteristica, questa introdotta dal sindaco Boccia, colta anche dalla dott. Ilari. ”Leggendo il libro – ha affermato – ho conosciuto un altro Ciampa, sicuramente diverso ma con una vena letteraria notevole. La storia che ha raccontato ha più messaggi, ma sopratutto, quello che più mi ha suggerito spunti, è quello di non farsi abbattere dalle depressioni e dai problemi, cogliendo il senso della vita”. Molto personale e sentito anche l’intervento dell’avvocato Frascacco: ”Qui c’è il cuore dell’avvocato Ciampa – ha detto – in un momento intimo e vitale”.

Agli elogi degli altri intervenuti, i quali hanno tutti sottolineato l’aspetto qualitativo di ”Dio c’era”, è poi seguito ciampa (1)l’autore, che ha voluto tra l’altro ricordare anche la sua parentesi politica ”da uomo libero”, suggerendo anche di amministrare la cosa pubblica con l’auspicio di pensare sempre al ”bene comune”. Poi l’ingresso nella materia dell’opera, dell’impresa creativa. Una storia, quella narrata nella sua fatica letteraria, che parla dell’avvocato Luca Scala, uomo in crisi di identità e che non ne può più dell’ambiente delle aule di tribunale. In un giovane che ha bisogno del suo aiuto, arriva l’occasione per riflettere su temi della vita, primo tra tutti il significato delle vicende umane alla luce della fede in Dio. Le tre storie di Angela, Giampiero e Marittella, che il protagonista racconta al ragazzo, con qualche accenno autobiografico, fuoriescono in significati nuovi, in cui anche sull’esperienza di vite ricche di tragedie e trabocchetti possono comunque risplendere elementi di ottimismo e di fiducia, anche in un’esistenza in cui la realtà, a volte brutale, ci porta lontano dai desideri e dentro ad alterne sofferenze.

Vicende che hanno attratto le tante persone che ieri, a Rocca di Papa, hanno voluto applaudire non solo lo scrittore Ciampa, ma anche il suo impegno e la sua carriera professionale, ancora esemplare per molti e ricca di soddisfazioni.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com