Qualcuno ci salvi da questo disarmante ‘tutti contro tutti’

0

furto decoroROCCA DI PAPA/Fondi di caffè – E’ una città che cerca di rialzarsi, nonostante tutto. Quello che è accaduto la scorsa notte ha dell’incredibile. Il ‘tutti contro tutti’, e ‘chi se ne frega di tutto’, impera e disarma. Sono durate poche ore le piantine e le foto storiche posizionate dai volontari del retake nelle fioriere lungo il corso principale, giusto il tempo di incontrare la mano vile di un vandalo, di una persona indispettita, di un invidioso, di un oppositore, o forse solo di uno stupido.

La ragione forse poco importa, ma il gesto lascia un segno indelebile in una comunità che appare sempre più scollata alla radice, esasperata e forse per questo sempre polemica, anche in quegli aspetti che proprio non lo meriterebbero, troppo spesso persa dietro sguardi torvi invece che genuini sorrisi.

Non basta rifugiarsi dietro la scusa di uno scenario politico che comincia ad essere infiammato in vista dei nuovi appuntamenti elettorali, in modo tale da contagiare e coinvolgere ogni sussulto proveniente dalla comunità; se la politica si è davvero distaccata dai cittadini come si va sbandierando da diversi anni a questa parte, allora non è in nome di una visione politica differente che può essere stato compiuto un simile atto. No, c è indubbiamente di più e di più pericoloso. La ragione è insita nella nostra stessa natura, nel nostro modo di essere, e ad aiutarci in questo ci sono anche i nuovi usi e costumi della società dei social network.
Prediligere il parlare all’agire,  criticare prima ancora di sapere,  scrivere senza assumersi la responsabilità di ciò che si dice,  agendo in sordina. Esattamente come la mano che ha vanificato gli sforzi di alcuni volontari impegnati nel decoro urbano.
Percorsi pericolosi che allontanano, creano antinomie e costruiscono barriere anche nei luoghi anticamente deputati all’incontro, come la piazza.
Ma la società non è quella, o meglio, non solo quella che si affaccia su Facebook. Forse è venuto il momento di invocare l’aiuto di quella parte della comunità che rimane silente, tornare a bussare alle porte della gente, liberarsi di una contaminazione che rischia di diventare deleteria se non gestita con responsabilità,  e sperare in un cambio di rotta di questa barca alla deriva.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com