Strage di Parigi, una giovane roccheggiana a poca distanza dai tragici avvenimenti

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – Difficile essere parigini adesso. Difficile aggirarsi in centro, nei luoghi che sono stati bersaglio degli attacchi terroristici di venerdì 13 novembre, con un bilancio di vittime – 129 cui si aggiungono i feriti -, che fa accapponare la pelle.

Luoghi di vita sociale, di incontro, di divertimento, ora squarciati e diventati teatro di scene raccapriccianti, momenti tragici, attimi di terrore che hanno fatto il giro del mondo e che incutono timore.

A Parigi, quella sera, ignara e poco distante dal centro dei drammatici attacchi, c’era anche una cittadina roccheggiana, Mariaclaudia Brunetti – che abita ormai da diversi anni nella Capitale francese -, prima di prendere l’aereo e tornare a casa.
“Io non sono francese,ma mi sono affezionata a questo paese. Qui le persone amano il loro paese e cantano l ‘inno nazionale a squarcia gola il 14 luglio, sono fieri dei loro formaggi e del loro vino, e io in questi sei ultimi anni assomiglio di più a loro, mi hanno adottata, mi hanno permesso di avere un posto di lavoro che mi permette un affitto e una vita più che dignitosa” è lo sfogo di solidarietà e vicinanza della giovane roccheggiana, che ha intrapreso la carriera di pasticcera.
“Dopo quella sera sono incredula – aggiunge-  dopo Charlie non pensavo si potesse riprodurre ancora una volta e in questo modo,
con un attacco multiplo, nei posti dove i ragazzi si ritrovano la sera. Mi capita di andare a Republique , in quei quartieri c’è sempre molto movimento.
Quella sera ero uscita per andare  a vedere uno spettacolo e ho appreso della notizie perché mia sorella mi ha chiamata per accertarsi che stessi bene”.
“Mi sento triste…e sento pena per le famiglie di tutte quelle persone…”.
Un pensiero struggente, che si aggiunge a quello di tutto il mondo occidentale, che ha espresso in queste ore solidarietà alle vittime, rivendicando i valori della democrazia e della pace , da parte di chi, in quei luoghi dovrà tornare, e che forse, quella sera, per puro fato, ha scelto di andare in un luogo pubblico che non era stato preso di mira dai terroristi.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com