”Cambio passo”, prende il via il laboratorio politico e sociale per la città

0

cambio passo - rocca di papa (1)ROCCA DI PAPA – Amministratori e cittadini ieri a confronto su digitalizzazione, lavoro, sviluppo dei prossimi anni

Le politiche di digitalizzazione per il lavoro e lo sviluppo, i nuovi criteri di comunicazione politica, la risoluzione dei problemi strategici del territorio partendo dalla possibilità di introdurre soluzioni di condivisione e partecipazione. ”Cambio passo”, laboratorio di idee socio-politico, si è presentato ieri a Rocca di Papa alla presenza di amministratori, simpatizzanti del PD e semplici cittadini. Moderato da Giuseppe Calicchia, il dibattito ha visto la presenza del sindaco Pasquale Boccia, della segretaria del PD Raffaella Taggi, della consigliera comunale Linda Boccanera, del consigliere Maurizio De Santis, della consigliera regionale Cristiana Avenali.

Giuseppe Calicchia, presentando l’oggetto della discussione, ha sottolineato come la digitalizzazione possa avere, se ben radicata e strutturata come accaduto di recente con i lavori per la ”banda larga”, una concreta possibilità di sviluppo per la comunità locale. Il sindaco Boccia, salutando con favore la nascita del progetto, ha affermato: ‘Questa è l’ennesima riprova di come la comunità politica del PD abbia la capacità di confrontarsi sui progetti reali. Siamo di fronte ad un momento difficile per la politica in generale, ma questo è un partito che anche a Rocca di Papa ha avuto il coraggio di rinnovarsi e di maturare una classe politica emergente. Ora l’impegno che ci spetta è quella dell’ascolto delle necessità. In questi anni di crisi abbiamo raccolto segnali di disperazione, richieste. Il nostro compito è quello di portare nuova speranza, captare energie differenti. Il nostro è un modello politico ancora interessante, probabilmente l’unico strutturato in questa città, è doveroso rigenerarlo e rilanciarlo”.

Anche Raffaella Taggi ha condiviso la necessità di cambiare passo con una diversa voglia di agire nella società. ”Il nostro obbligo morale è quello di dare delle risposte, innanzitutto passando dalle tematiche del lavoro. Il consenso passerà dalle soluzioni di queste emergenze. E’ l’ora di cambiare passo, anche in quanto paese”. Invito raccolto dal consigliere Maurizio De Santis, il quale ha spiegato la natura del progetto associativo: ”Abbiamo pensato di creare un laboratorio di prospettiva politica che dia la possibilità ai cittadini di essere al primo posto, di diventare punto di riferimento per ripensare la nostra quotidianità. Lavoro, cultura, sport, accoglienza e ambiente saranno i cardini della proposta. Vogliamo che questa idea si trasformi in un valore aggiunto della nostra offerta politica partendo dal basso”.

Quindi il dibattito si è dipanato sulla consapevolezza di seguire le trasformazioni della nostra epoca, attraverso la formazione come forma di cambiamento del lavoro o della digitalizzazione che è stata in grado, in breve tempo, di rompere il sistema gerarchico del partiti, costretti a rivedere le proprie organizzazioni con un sistema più fluido e veloce. Chi non crea rete, infatti, è destinato al giorno d’oggi a non creare sviluppo, comunicazione, un partito moderno che sappia mettere in contatto tutto e tutti. Approccio questo che dovrà interessare anche le tematiche amministrative, le funzioni all’interno del Comune, introducendo un ruolo di comunicazione che sappia interagire in maniera più profonda con i cittadini creando una sorta di vetrina condivisa anche delle attività associative e commerciali della città.

Cristiana Avenali, vicepresidente della commissione ambiente della Regione Lazio, ha ribadito: ”I cittadini devono essere il punto di riferimento per ripartire e la rete è uno strumento importantissimo per mantenere economia e sviluppo. L’importante ora è costruire un programma che abbia una visione concreta e comprensibile. Lavoro, formazione, III° settore, cultura e ambiente sono i temi di questa sfida. Penso che qualsiasi candidato non possa che fare sua la tematica dell’ambiente come punto di riferimento essenziale. Perchè quello che oggi è considerato anche un problema può diventare una grande opportunità economica e di lavoro”

”Cambio passo” ha iniziato la sua avventura sul territorio. Nei prossimi giorni sono previste altre iniziative a Rocca di Papa.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com