L’associazione Città per la Fraternità incontra il sindaco di Betlemme: ‘Il vostro un modello da esportare in Israele e Palestina’

0

incontro sindaco di betlemmeROCCA DI PAPA / Attualità – Ieri l’associazione Città per la Fraternità, da anni impegnata nel promuovere nelle Città e nei Comuni d’Italia il principio della fratellanza e della solidarietà a tutti i livelli, ha incontrato a Roma il sindaco di Betlemme, Vera Baboun. Ne è nato uno scambio di valori e impegno che sono alla base della fitta rete di associati che la formazione, nata a Rocca di Papa sulla scia degli insegnamenti di Chiara Lubich, sta tessendo in tutta la Nazione, con risultati e risvolti concreti.

Presenti all’incontro, tenutosi nella cornice di Palazzo Lante a Roma, erano  il presidente e sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi, i membri del direttivo Pasquale Boccia e Giuliana Salvucci, i membri del Comitato dei Garanti Giovanni Arletti e Vincenzo Cardaci i segretari Lina e Paolo De Maina. inoltre erano presenti Sante Centofanti per la traduzione e Anna Marenchino dell’Ufficio progettazione della ONG A.M.U.

 

Significative le parole del primo cittadino di Betlemme, voce di una città che ha dato tanto al mondo intero e che per prima ha bisogno di maggiore impegno per la pace.

«Sono la prima donna sindaco di questa città, una città che essendo al centro dell’interesse internazionale dal punto di vista religioso e culturale, è sicuramente una delle città che soffre di più, per l’occupazione e la presenza del muro che è fortemente limitante per la vita dei suoi abitanti che hanno grandi difficoltà di spostamento e di godere delle terre, delle risorse intorno. Sono molto contenta di discutere con la vostra associazione perché le città sono importantissime nel promuovere la Pace e la Fraternità. Betlemme è stata la città che ha dato a tutto il mondo la Fraternità, che ha cambiato in qualche modo la storia del mondo dal punto di vista umano, religioso, culturale, addirittura il calendario con la nascita di Gesù, e quindi dovrebbe essere una città dove la pace, l’amicizia, l’amore, la fraternità regnino e risplendano, invece, nonostante ciò questa città sembra aver fallito perché proprio a Betlemme c’è sofferenza e mancanza di Pace. Forse è necessario liberare la Pace, liberare la Fraternità, liberare l’amore. 

incontro sindaco betlemme 2Ma chi può Liberare e sprigionare tutto questo? Molti dicono i politici. Ma i politici dei Governi non sempre riescono in questo e forse sono i sindaci come noi che sono maggiormente chiamati a tutto ciò, innanzitutto essendo solidali tra di loro. I sindaci sono in mezzo, tra il governo e i cittadini e sono il cuore di questo rapporto, sanno meglio interpretare le esigenze del territorio e dovrebbero saper avvicinare il governo alle esigenze dei cittadini. Se si perde il rapporto tra governo e i cittadini con una mediazione non riuscita dei sindaci, si perse anche la fraternità, non la si riesce a far sprigionare.  

 L’associazione città per la Fraternità è molto importante per diversi motivi:

  1. quello di avvicinare le istituzione ai cittadini e di guardarsi negli occhi, in un rapporto di prossimità;
  2. la rete, la vicinanza tra città che si sostengono. Noi a Betlemme sentiamo la necessità di un sostegno di tutti
  3. influenzare le decisioni politiche di Governo

Il vostro “linguaggio” è molto importante. Se i sindaci di Israele e di Palestina si potessero perlare col vostro linguaggio molto cambierebbe e si farebbero passi in avanti. Fino a qualche tempo fa ci sono stati degli incontri tra sindaci delle due parti, ma poi sono tornate le divisioni anche perché qualche Governo centrale ha richiamato all’ordine e questi dialoghi sono terminati”.

Dopo aver spiegato la complessa situazione politica di Betlemme e dei territori palestinesi e l’estrema difficoltà delle politiche internazionali per la loro risoluzione, si è materializzato un orizzonte di collaborazione con l’associazione italiana con l’obiettivo di ampliare e dare maggiore forza al Centro per la Pace, realizzato a Betlemme, che potrebbe entrare presto a far parte delle Città per la Fraternità.

“E’ stato un incontro importantissimo e carico di significato – ha commentato il sindaco di Rocca di Papa, Pasquale Boccia e fondatore dell’Associazione -, che ci aiuta a riflettere sul nostro impegno a favore della fraternità ampliando l’orizzonte a livello internazionale, da cui però, anche in una visione ben più estesa, si ritorna sempre sull’importanza strategica del ruolo dei sindaci per un fine ben più grande di tutti noi, che è la pace”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com