Vigilanza, Caracci rivendica il lavoro del Parco Regionale

0

ROCCA DI PAPA – “Più di tante parole vale il lavoro svolto ogni giorno dai nostri Guardaparco. Dati e statistiche che fanno giustizia di attacchi e accuse, spesso gratuite, lanciate senza prima averle verificate con gli Uffici preposti dell’Ente”. Sandro Caracci, commissario dell’Ente, rivendica con forza il lavoro del Parco Regionale dei Castelli Romani sul territorio, rispondendo così anche alle tante accuse mosse da forze politiche e cittadine sopratutto per quel che concerne il controllo del territorio o il pericolo delle piccole discariche che proliferano nelle zone boschive e che sono da tempo fotografate dai cittadini. ”Si vede un taglio boschivo e si grida allo scempio – afferma Caracci – senza sapere che i tagli sono possibili e che il Parco ha un ufficio che lavora su questo; si accusa il Parco di non raccogliere i rifiuti nei boschi o a bordo delle strade, come se non si sapesse che sono i Comuni ad avere questa onerosa incombenza. Si dice che i Guardiaparco in giro non si vedono, come se fosse possibile che due pattuglie siano contemporaneamente presenti in un territorio di 15 mila ettari”.  ”Insomma – ribadisce Caracci – siamo ben disposti a rispondere a tutte le domande e dubbi, a ricevere segnalazioni che ci aiutino a migliorare nel nostro compito, ma a patto che si abbia voglia di capire e non semplicemente di fare del facile qualunquismo”.

I Guardiaparco dei Castelli Romani sono impegnati su un territorio esteso e densamente abitato: 19 unità, di cui due coordinatori e un responsabile, che hanno competenza su un territorio che si estende per 15 mila ettari e abbraccia 15 Comuni. Una proporzione di numeri che dà il senso dell’impegno quotidiano che va dalla rilevazione e segnalazione delle aree soggette ad abbandono rifiuti (oltre 40 aree censite nel 2015), che i Guardiaparco individuano e comunicano ai Comuni e ai proprietari privati cui spetta il compito di bonificare i siti interessati, alle indagini congiunte con altre Forze di Polizia per problematiche più complesse, fino alle verifiche sui tagli forestali, per accertare che i tagli siano regolarmente autorizzati, ai sequestri di manufatti abusivi ed alla prevenzione del bracconaggio.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com