Rocca di Papa, arrivano i primi scossoni del post voto. Il presidente dei Canarini ringrazia tutto lo staff

0

ROCCA DI PAPA/ Attualità – Dopo il ballottaggio di domenica scorsa, che ha decretato Emanuele Crestini nuovo sindaco di Rocca di Papa, trema la società sportiva calcistica Asd Nuova Canarini di Rocca di Papa, che ha rappresentato la rivincita del calcio giovanile roccheggiano nell’ultimo periodo, il cui bando di affidamento del campo sportivo “L. Gavini” sta per terminare. Le voci di un possibile cambio di gestione nel caso di vittoria dell’armata “civica” sulla sfidante del centrosinistra, Marika Sciamplicotti, erano già circolate nei giorni prima del voto, anche se poi era stato Crestini stesso a smentire in un post su Facebook.

La scadenza del bando però rimane impellente e un cambiamento pare comunque essere in vista.
Emblematiche le parole del presidente Gennaro Draicchio, che nel ringraziare tutti coloro che hanno permesso lo svolgimento del torneo Umbro Cup, sembra quasi volersi congedare, e nessun accenno viene fatto in merito al futuro della società come invece era accaduto nei comunicati precedenti al voto.

“Colgo l’occasione per trovare, tramite queste poche righe, un modo, per ringraziare pubblicamente un gruppo di persone che hanno svolto, nell’ambito di un torneo calcistico dilettantistico, un lavoro meraviglioso e professionale. La seconda edizione della Umbro Cup, torneo riservato ai bambini di età compresa fra i 7 e i 13 anni è stato l’appendice finale della 12° edizione del Trofeo Città di Rocca di Papa, la manifestazione si è chiusa ieri oltre ogni aspettativa in termini di immagine, e valori sportivi espressi sui campi dove sono scese società professionistiche come Roma, Lazio e Frosinone, vorrei ringraziarli perché nella sua complessa organizzazione, non hanno lesinato risorse fisiche e sociali per arrivare e raggiungere l’obbiettivo che tutti insieme ci eravamo posti.
Un gruppo quello dei Canarini Rocca di Papa, che con grande passione hanno dedicato il loro tempo prezioso in totale regime di volontariato, nel corso di tutto l’anno, insegnando ai bambini le tecniche del gioco e cercando di trasmettere loro la passione per uno sport che, pur essendo divenuto l’emblema di tanti, resta ancora un gioco nel senso puro del termine…
A queste persone, capaci di gioire per una vittoria sofferta, ma anche umili nell’accettare un’amara sconfitta esprimo un segno di riconoscenza per aver trasmesso il valore dell’amicizia, del gruppo e dello spirito delle squadre unite, lasciando sempre lo spazio a tutti. Ai genitori e le famiglie che ritengo siano una colonna portante di questa società rivolgo un ringraziamento speciale per aver creduto nel nostro progetto quando nessuno voleva crederci, ci hanno dato fiducia mentre spalavamo le macerie di anni bui e anonimi del calcio cittadino. Un ringraziamento alle istituzioni, in questi giorni in grande fermento, anche a loro rivolgo un mio pensiero, abbiamo trovato degli interlocutori come il Sindaco Pasquale Boccia ed il Delegato allo Sport Antonio Gentili che hanno compreso il problema ed il disagio, ed insieme abbiamo creato un modello che funziona, e che oggi è diventato un punto di riferimento per la città ed un caso di studio per i Comuni vicini a Rocca di Papa. Una società modello fatta di persone autentiche, mossa con la passione, con conti in ordine e premiata dal Coni tra le destinatarie del 5×1000, questi sono i Canarini Rocca di Papa! Il mio miglior ricordo o la mia più grande soddisfazione? Quello dei bambini che si abbracciano tutti al fischio della fine di una partita, indipendentemente dal risultato!”

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com