Ancora grane per il meetup di Rocca di Papa: l’organizer D’Antoni nel mirino delle polemiche

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – La neo formazione di stampo grillino di Rocca di Papa è nuovamente nel fuoco incrociato delle polemiche. Nel clima ancora rovente che si respira nella cittadina castellana fresca di elezioni, tra fake e “fucilieri” di professione, il meetup roccheggiano è finito ancora una volta nel mirino delle invettive, che comunque serpeggiavano già da tempo per via dell’interessamento, da parte di alcuni esponenti di spicco della maggioranza del sindaco Crestini, verso il movimento pentastellato ai tempi delle manovre pre elettorali.

Ma andiamo per ordine, e partiamo dalla vicenda più cogente al momento, quella cioè che ha investito l’organizer del meetup di Rocca di Papa, Marco D’Antoni, che lo scorso 30 giugno si era presentato alla cittadinanza insieme agli altri 15 primi attivisti, per elencare – carte alla mano – intenti e regolamenti in vista della futura legittimazione dal Movimento Cinque Stelle nazionale.

Rocca di Papa, il Movimento 5 Stelle ci riprova. Ieri l’incontro del nuovo meetup che riparte dalle regole

“Mio figlio invia un dei tanti curriculum come altre persone di Rocca di Papa e non, alla coop di Mondo Migliore – scrive in un post/outing proprio D’Antoni – , Dio non avesse mai voluto, lo hanno chiamato per un periodo di prova, e boom scoppia la bomba, ecco la prova, lo ha fatto assumere da Crestini perche’ tenga buono il Movimento 5 Stelle, e giu’ botte da parte di giornali, tv, e c’e’ chi si crea profili falsi per poter ragliare vilmente al riparo dietro una tastiera”.
In tutto questo marasma c’è da chiedersi cosa abbiano da dire gli altri attivisti del meetup di Rocca di Papa – che i grandi strateghi della politica locale vedono a braccetto dell’attuale sindaco – cui presto, decorsi i 120 giorni di attività, potranno aggiungersi degli altri. Magari una loro presa di posizione potrebbe se non altro offrire un’altra visione della questione, che al momento è tutta incentrata sulla figura del proprio organizer (figura soggetta a riconferma o meno ogni sei mesi).

Capitolo diffide. Una ce ne è stata da parte dei vertici del Movimento grillino, quella ai tempi della campagna elettorale, che vide poi naufragare il progetto pentastellato. Quello che si annovera ai giorni d’oggi è invece uno stop ad una richiesta di suolo pubblico presentata dal meetup per un evento cui avrebbero dovuto partecipare anche i vertici regionali e nazionali, in cui erroneamente è stata inserita la dicitura “Movimento Cinque Stelle” al posto di “Attivisti Movimento 5 Stelle”. La questione sembra banale ma non lo è, perchè il meetup è tale proprio perchè ancora non può operare per conto del Movimento 5 Stelle ufficiale. Insomma, un errore materiale che però sembra non vada ad inficiare il rapporto della neonata formazione di Rocca di Papa coi suoi rappresentanti istituzionali, e che, al momento, pare pecchi soprattutto di organizzazione ed esperienza.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com