I proventi della Mangialonga di Rocca di Papa a favore della popolazione di Amatrice colpita dal terremoto

1

Sin dalle prime ore di mercoledì 24 agosto (LEGGI), tutti i membri della Pro Loco Città di Rocca di Papa hanno seguito con apprensione e dolore le tragiche notizie che provenivano dal nord del Lazio e in particolare dalla città di Amatrice, devastata da un terremoto che ha fatto decine di morti e distrutto questa splendida località del reatino. Amatrice è città amica di Rocca di Papa, e non possiamo rimanere insensibili di fronte a questa immane tragedia. Seguendo l’appello lanciato dal sindaco di Rocca di Papa e dalle associazioni di volontariato, nonché dal presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, Claudio Nardocci (che riportiamo di seguito) vogliamo produrci in un gesto concreto e di sensibilità.

Per questo il direttivo della Pro Loco Città di Rocca di Papa annuncia che tutti i ricavati della Mangialonga 2016, che si terrà domenica 4 settembre 2016, saranno interamente devoluti a favore della popolazione di Amatrice così duramente colpita dal terremoto, e che l’evento stesso si terrà, in un clima gioioso e allegro, nel ricordo dell’immane tragedia che ha colpito questo luogo e queste persone che tanto si sono avvicinate a Rocca di Papa e che portiamo nel cuore ogni giorno, soprattutto in queste ore di ambasce e travaglio.

Lettera aperta di Claudio Nardocci, presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia (UNPLI)

Carissimi, Carissimi, avrete appreso della tragedia del terremoto che ha colpito ancora alcune località del Centro Italia. Mi risuonano nella testa le parole del mio amico Carmine, ex Presidente della Pro Loco di Amatrice, che ho chiamato appena sentita la notizia:“Claudio, tutto il centro storico è venuto giù, non ci sono più interi edifici e, sotto le macerie ci sono intrappolate tante persone, vive e morte. Per pura fortuna la mia famiglia è salva ma si conteranno molte, molte vittime. Il paese era pieno anche di turisti”. Non possiamo rimanere indifferenti, dobbiamo muoverci come abbiamo fatto in passato. Io, come donatore AVIS, mi recherò presso un centro raccolta sangue perché ci sono molte richieste. Ma il modo migliore per aiutare, in questi casi, è quello di fare un versamento su: Conto corrente postale 13692009 intestato a UNPLI Nazionale oppure tramite un bonifico IBAN IT81Z0760103200000013692009 intestato a UNPLI Nazionale specificando nella causale TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA. Non inviate prodotti. È un’esperienza che ho già personalmente fatto ad Onna in occasione del terremoto dell’Aquila. Io e Carmine Santarelli passammo dei giorni ad immagazzinare prodotti inutili di cui i terremotati non avevano alcun bisogno. Pensate, arrivò un’intera pedana di spazzolini da denti dell’uomo ragno (circa 2000) per i bambini. Ad Onna i piccoli residenti erano una decina! Spero che, come sempre, siate generosi e tempestivi confermando la ben nota solidarietà delle Pro Loco. Grazie di cuore per tutto quello che potrete fare. Il Presidente UNPLI Claudio Nardocci

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com