Mondo Migliore, il Comune firma l’intesa per l’utilizzo dei migranti in lavori socialmente utili. Integrazione lampo o cosa?

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – Sul centro di accoglienza di Mondo Migliore qualcosa non torna. E’ stata diramata ieri la nota dell’Amministrazione comunale, targata Crestini, che annuncia il protocollo d’intesa sottoscritto dal Comune con il Prefetto di Roma, Paola Basilone, per il coinvolgimento dei migranti ospitati presso la struttura di via dei Laghi – che dovrebbero essere 370 – in attività di volontariato di carattere civile e di servizio alla collettività.

“Questo documento – sostiene il sindaco – ci consente di proseguire il percorso di integrazione che si è iniziato sin dai primissimi giorni in cui Rocca di Papa è stata individuata dalla Prefettura per ospitare i cittadini stranieri. Le associazioni locali e l’Amministrazione Comunale da domani potranno attivare alcuni volontari in operazioni di decoro urbano, pulizia del centro storico e dei boschi. Si prospetta, dunque, da una parte un utile servizio alla cittadinanza, praticamente senza costi per il Comune, dall’altra un altro importante passo nella direzione dell’accoglienza e dell’inclusione.”

Quello che risulta poco chiaro è perché si parla di processi di integrazione (ed anche qui ci sarebbe molto altro da dire) se, come annunciato e assicurato dal primo cittadino fin da quando arrivarono i primi ospiti nel mese di giugno, Mondo Migliore sarebbe classificato come hub, ossia un centro di smistamento temporaneo attivo solo fino al mese di dicembre. Insomma, o siamo di fronte ad un’integrazione lampo, tre mesi o poco più, o qualcosa rischia di non andare come si pensava o come era stato annunciato.
La portata incontrollata del fenomeno dell’immigrazione e le dimensioni ragguardevoli dell’ex centro spirituale di Rocca di Papa farebbero pensare che sul centro ci siano ben altri piani, anche per gli anni a venire.

E a dirlo non siamo tanto noi quanto la delibera di giunta comunale, la numero 88 dell’11 agosto, che mette nero su bianco il “Piano degli obiettivi e delle performance per gli anni 2016-2018”. Nel documento, infatti, andando a scorrere la schematica tabella in cui sono inserite le voci dei vari settori, risulta che tra gli obiettivi fissati per la Polizia Locale c’è proprio quello di “procedere in controlli costanti di quanto avviene nella struttura hub di Mondo Migliore”.

Una previsione dunque ben più a lungo del solo anno in corso. Intanto però, in attesa di avere maggiori certezze, soprattutto per i residenti che abitano intorno alla struttura ospitante, che da tempo lamentano situazioni di disagio per l’andirivieni incontrollato di migranti (pare anche non del centro stesso) che scavalcano le recinzioni, il sindaco parteciperà al convegno “Inclusione e coesione sociale: il ruolo delle piccole e medie città”, che si terrà il 6 e il 7 ottobre presso la Sede Centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche, in cui esporrà il modello di gestione che è stato adottato nel centro di accoglienza “Mondo Migliore” e i percorsi di inclusione sociale avviati. Rocca di Papa fa scuola, dunque, e probabilmente non solo per questi soli tre mesi.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com