Rocca di Papa, il gruppo whatsapp sul degrado ambientale mostra le sue falle. Un cittadino è stato escluso

0
ROCCA DI PAPA / Attualità – Il sistema di “Segnalazioni degrado ambientale” attivato dall’Amministrazione Crestini comincia a mostrare le sue falle. Il meccanismo prescelto per far partecipare la cittadinanza nel rendere note all’assessore all’Ambiente Veronica Cimino e contestualmente agli uffici zone critiche del territorio altro non è che un gruppo whatsapp allargato dove ognuno posta foto e dice la sua. Ed il problema sorge qui.
Un cittadino ha scritto alla nostra redazione dichiarando di essere stato estromesso dal gruppo perché troppo polemico per finalità politiche.
“Tutto è iniziato intorno alle 20:30 quando un altro partecipante del gruppo, nonché anch’esso membro del Consiglio Comunale di Rocca di Papa, Dott. Paolo Gatta, commentava la situazione di estremo degrado a causa dei rifiuti che stazionano da circa 500 giorni di fronte alle finestre della mia casa, che avevo appunto denunciato sul gruppo qualche giorno prima.
I dialoghi allegati, avvenuti nell’arco di un’ora circa, hanno determinato purtroppo la mia arbitraria e deprecabile estromissione dal gruppo
Sono stato accusato di essere polemico, sarcastico e di strumentalizzare il degrado, dovuto alla discarica a cielo aperto posta a due metri dalle mie finestre da un anno e mezzo, per fini meramente politici.
Facevo notare, che non appartenevo purtroppo o per fortuna a nessun gruppo politico, che non ero residente a Rocca di Papa, e che ero persino ateo: unico mio “secondo fine” fine era solo e semplicemente quello di far sparire tutta quella immondizia dalle finestre di casa”.
Ad inasprire la discussione sono stati anche i cartelli affissi lungo la strada in questione, riportante il titolo “Decoro? No grazie”, in cui viene nominata proprio l’assessore Cimino.
“Dovrebbe essere un gruppo di pubblica utilità, non esiste che uno venga buttato fuori per una denuncia del genere – continua il cittadino -: se all’assessora ed ai suoi colleghi non “regge la pompa”, sarebbe decisamente il caso che cambiassero interessi e aspirazioni”.
Forse è lo strumento stesso prescelto per le segnalazioni, nato per assicurare ampia partecipazione, ad essere problematico e a ridursi in un mero gruppo tra pochi soliti intimi.
A riguardo il meetup cittadino aveva segnalato all’Amministrazione la possibilità di aderire al network per il “Decoro Urbano”, che offre una piattaforma ben strutturata in cui qualsiasi cittadino collegandosi può inserire la sua segnalazione, seguendone poi l’iter di intervento. Uno strumento che forse sarebbe stato più idoneo a garantire l’ordinata partecipazione di tutti.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com