Triste 4 novembre per Rocca di Papa, i caduti restano senza la corona d’alloro

1

ROCCA DI PAPA / Attualità – I colori autunnali degli alberi dei giardini di piazza della Repubblica, su cui si staglia la vittoria alata di Vincenzo Jerace, apice del monumento ai caduti attorno al quale forze dell’ordine, associazioni, amministratori e cittadini ogni anno si sono riuniti sulle note del “Piave” e del “silenzio”, nonché dell’inno d’Italia ha un significato ben più profondo di una frettolosa celebrazione. E’ un rivivere passaggi storici fondamentali per la nostra modernità, il sacrificio di quanti persero la vita, un monito per rinsaldare valori troppo spesso dimenticati, un’occasione per fare e sentirsi comunità.

Oggi, 4 novembre, giornata di commemorazione dei caduti di tutte le guerre, qualcosa è stato dimenticato a Rocca di Papa, e non è di poco conto. Mentre il Consiglio comunale continua a lanciare messaggi di eccessiva polemica, di toni sopra le righe, di discussioni sterili e lontani dalla cittadinanza, gli appuntamenti cittadini, quelli in cui la Città non ha mancato di far sentire la sua partecipazione, vengono disattesi e messi all’angolo.

Nessun annuncio sul sito istituzionale riguarda questa ricorrenza, di solito festeggiata nei giorni successivi in accordo con le scuole del paese. Davvero quest’anno il monumento ai caduti non avrà la sua corona d’alloro?
Ed oggi, 4 novembre, è anche il Santo Patrono Carlo Borromeo. Anche qui, i festeggiamenti cittadini si svolgono a luglio, ma una festa patronale, quella vera, non può passare così, nel silenzio. Sono le radici e i valori di una comunità ad uscirne danneggiati, incamminandosi sulla strada dell’oblio.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com