Rocca di Papa – Via Roma inghiottita dai mezzi della spazzatura, nessuna novità all’orizzonte

1

ROCCA DI PAPA / Attualità – Da anni il tratto finale di via Roma, quello panoramico (e che panorama) è utilizzato dal servizio di igiene urbana per la trasferenza, vale a dire il passaggio dei materiali differenziati dai camioncini ai compattatori.

Lo stazionamento dei grandi mezzi sul tratto asfaltato per lo svolgimento delle operazioni necessarie da parte degli operatori, in assenza di un luogo idoneo, ha degradato questo angolo cittadino, spesso avvolto nella puzza, e restituendo un’immagine assai poco decorosa proprio in uno degli ingressi della città.

Nel 2013 la passata Amministrazione Boccia aveva timidamente avanzato la proposta di realizzazione di un autoparco per i mezzi in via dei Laghi, all’ingresso secondario della clinica San Raffaele, zona di rovi e sversamenti abusivi. A seguito però dell’opposizione di alcuni cittadini, e specificatamente del “Movimento per Rocca di Papa” che qui segnalava un interesse archeologico e culturale, ogni progetto si spense, lasciando mezzi e operatori ecologici senza idonei spazi dove lavorare, compresi uffici e spogliatoi. Poi un colpo di coda verso la fine della legislatura meditava su uno spazio provvisorio sul tratto di via del Troio, ad oggi chiusa al traffico.

Nell’ultimo Consiglio comunale la consigliera Lorena Gatta ha letto tutti i punti programmatici dell’Amministrazione Crestini, tra cui anche i progetti per la raccolta differenziata. Si è parlato dell’informatizzazione del sistema di raccolta con l’utilizzo di etichette elettroniche per i secchietti, l’obiettivo del 75% di percentuale di differenziazione e la tariffa puntuale famiglia per famiglia, oltre ad un nuovo censimento e l’installazione di  ecocompattatori  in punti strategici per sensibilizzare e premiare il cittadino virtuoso con ecobonus spendibili nelle attività locali. E poi ancora il miglioramento dell’isola ecologica, il contrasto alle minidiscariche abusive e nuove campagne di sensibilizzazione. Nulla però in merito all’autoparco, necessario per liberare via Roma dalla bruttura cui è costretta ormai da troppo tempo, da quando cioè l’isola ecologica di via Borgo Valle Vergine Campagna fu sequestrata nel 2011 dal Corpo Forestale e in seguito rinnovata e riaperta, a quel punto però senza lo spazio per la trasferenza.

Per ora dunque non sembrano esserci novità in merito, sebbene proprio questo aspetto si configuri come una delle priorità nell’ambito del servizio porta a porta, del resto sotto agli occhi di tutti.

 

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com