Rocca di Papa – Il Museo di Geofisica ha riaperto grazie al Gruppo archeologico latino

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – Partita la convenzione per riattivare la biglietteria del sito culturale chiuso da diverso tempo

Dopo la via Sacra e la Fortezza degli Annibaldi il Gruppo archeologico Latino (Gal) di Rocca di Papa gestirà anche il Museo di Geofisica, gioiello scientifico rimasto chiuso al pubblico da svariato tempo dopo la scadenza della passata convenzione, in cui erano stati ravvisati anche problemi gestionali. Il 28 ottobre 2016 la Giunta comunale ha approvato una delibera che affida il servizio di biglietteria del Museo alla formazione di volontari, nata nel 2013 e animata dalla passione per l’archeologia e dalla volontà preservare e valorizzare i preziosi luoghi culturali e storici che la città vanta. In base alla convenzione sottoscritta nel mese di novembre il Gal effettuerà “un presidio di accoglienza per l’apertura del museo, in via sperimentale, per il periodo novembre-dicembre 2016. L’Amministrazione comunale verserà al Gal “Latium Vetus” un importo pari all’85 % dell’importo dei proventi della vendita dei  biglietti  per tale periodo  a titolo di rimborso spese per i soli costi fatturati e rendicontati, fino ad un massimo di € 1.000,00”.

Il gruppo di volontari, autori delle tanto apprezzate quanto faticose pulizie della Via Sacra, già dal 2013 ottennero dalla precedente Amministrazione la gestione del sito della Fortezza. “Abbiamo tantissima richiesta – ha commentato il presidente del Gal, Francesco Casciotti -, ed era un peccato non garantire l’apertura di un sito tanto importante per la Città di Rocca di Papa, meta soprattutto di molte scolaresche”. Con la gestione del Museo il Gal amplia la propria sfera di azione sl territorio, con l’opportunità di creare una più efficace rete di interscambio e valorizzazione tra le diverse ricchezze del territorio, che meritano di essere conosciute e valorizzate. “Il nostro obiettivo è quello di incentivare le visite – ha aggiunto Casciotti – e di offrire ai tanti visitatori un pacchetto di esperienze che contenga anche la Via Sacra, il quartiere bavarese, i Murales del centro storico, così da indurre le persone a prolungare la loro permanenza a Rocca di Papa, con ritorni per il commercio e la ristorazione locale”

. Il Museo, stando ai piani dei volontari del Gruppo archeologico, sarà aperto per tre giorni a settimana: giovedì dalle 15 alle 17, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17. Durante i weekend le visite saranno condotte dall’Istituto di Geofisica e Vulcanologia, sotto la supervisione della direttrice Giuliana D’Addezio, mentre nei giorni infrasettimanali sarà messa a disposizione dei visitatori un’audioguida, che potrebbe essere presto integrata anche con la visita all’adiacente Fortezza degli Annibaldi, cui il Museo è collegato tramite una passerella voluta proprio per legare le due location.

 

Articolo pubblicato sul settimanale La Torre del 2 dicembre

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com