Porta a porta a Rocca di Papa, tante le novità in arrivo. Annunciata la linea dura contro i trasgressori con fototrappole e codici identificativi

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – Dal 10 aprile cambia la raccolta differenziata a Rocca di Papa. Dopo l’inizio della nuova gestione del servizio, a gennaio dello scorso anno, la Cosvega ha iniziato una campagna informativa, ai cittadini e poi anche nelle scuole, per illustrare i cambiamenti apportati ai giorni e alle modalità di raccolta dei rifiuti differenziati, nell’ottica di un’ottimizzazione del servizio.
Nel pomeriggio di ieri, in aula consiliare, si è tenuto il primo degli incontri pubblici tesi a informare la comunità e sensibilizzare nuovamente al senso civico. Presente il direttore tecnico della Cosvega Massimo Galasso, l’assessore all’Ambiente Veronica Cimino, insieme alla collega Veronica Giannone, e al responsabile del servizio Guglielmo Gambacorta.

COSA CAMBIA – Prima di tutto a cambiare sono i giorni di conferimento delle tipologie di rifiuto, un pò in tutti i quartieri. Da segnalare il fatto che la frazione indifferenziata, quella grigia, verrà ritirata una sola volta a settimana e non più due (per chi ha pannolini e pannoloni è previsto un passaggio aggiuntivo previa comunicazione), e l’umido, la frazione marrone, due volte a settimana e non più tre, ad eccezione dei mesi che vanno da maggio a settembre.
 
CLICCA QUI PER IL CALENDARIO DI RACCOLTA DEI QUARTIERI CENTRO STORICO-CAMPI E VIVARO

CLICCA QUI PER IL CALENDARIO DI RACCOLTA DEL QUARTIERE VIGNE

A tutte le utenze verrà distribuito un nuovo contenitore bianco per la carta, dotato di un codice identificativo che permetterà di tracciare i conferimenti e responsabilizzare i cittadini, premiando, a detta dei responsabili, i comportamenti virtuosi. Lo stesso codice verrò applicato anche agli altri mastelli già in dotazione delle famiglie. 
Al contempo sul territorio verranno posizionati dei secchi per la raccolta di altri materiali: quello per i prodotti etichettati con “t” e “f”, vale a dire prodotti infiammabili, vernici, smalto, acetone, ecc, quello per le pile usate, quello per i farmaci scaduti presso le farmacie, in aggiunta a quello delle deiezioni canine già presenti (sebbene siano stati già riscontrati atti incivili nello spreco delle bustine in dotazione) e alle colonnine per la consegna delle buste per la raccolta differenziata.

Esempio di isola ecologica informatizzata

Un’altra grande novità consiste nell’installazione sul territorio di isole ecologiche informatizzate, ossia vari contenitori messi in batteria in cui alcuni cittadini, debitamente informati, potranno conferire a qualsiasi orario, tramite l’utilizzo di una tessera, la quale servirà anche per ritirare le buste ai distributori sparsi sul territorio e per entrare all’isola ecologica di Borgo Valle Vergine. “Le isole ecologiche verranno utilizzate in via sperimentale da alcuni cittadini che risiedono in alcuni condomini della parte bassa della città – ha spiegato l’assessore Cimino -. Se il riscontro sarà positivo, e se riusciremo ad ottenere maggiori finanziamenti, questo sistema, da utilizzare una volta che tutti i cittadini sono stati educati al porta a porta, potrà anche essere ampliato. Bisogna però considerare che ci sono alcune zone della nostra città in cui, per conformazione e mancanza di spazi, non sarà possibile prevedere tali sistemi”.
Le isole ecologiche informatizzate saranno installate in piazza Alcide De Gasperi, in via delle Calcare 22, in piazza Salvo D’Acquisto ed in piazza Capranica Prenestina al Vivaro.

Il direttore tecnico Galasso ha approfittato dell’incontro per rimarcare alcune indicazioni e gli errori più comuni riscontrati nella differenziazione dei rifiuti da parte degli utenti (CLICCA QUI PER L’OPUSCOLO INFORMATIVO). “I dati generali indicano che in media la quantità di rifiuti indifferenziati si aggirano intorno al 12%. Noi lo scorso anno abbiamo portato in discarica circa il 40% dei rifiuti. Questo vuol dire che abbiamo ancora molto margine di miglioramento e di diminuzione dei costi”. “Noi siamo a disposizione dei cittadini per rispondere ad ogni domande e per ricevere segnalazioni e suggerimenti” ha aggiunto Galasso indicando il numero verde 800 403 318.

IL DIBATTITO IN SALA – La tematica della differenziazione dei rifiuti ha favorito uno scambio anche colorito di opinioni e suggerimenti da parte dei cittadini intervenuti, che da sempre fanno i conti con le microdiscariche sparse sul territorio e l’inquinamento del patrimonio ambientale e boschivo da parte di chi non rispetta la raccolta differenziata e continua ad abbandonare in maniera impropria i propri sacchetti della spazzatura. In tanti hanno chiesto maggiori controlli e soprattutto punizioni esemplari. A riguardo l’assessore Cimino ha spiegato che, insieme alla consegna del nuovo mastello bianco, sarà avviato un nuovo censimento delle utenze, per combattere l’evasione e intervenire su chi non fa la differenziata. Inoltre saranno attive sul territorio due telecamere e sette fototrappole da posizionare nei luoghi più sensibili, anche in base alle segnalazioni che giungeranno dai cittadini stessi. “Il 22 dicembre scorso – ha aggiunto Cimino – è stato siglato un protocollo di intesa tra Amministrazione, uffici comunali e Polizia Locale (il comandante Dario Nanni era presente in sala) per contrastare l’abbandono dei rifiuti. Fino ad oggi le cose sono andate in un certo modo ed anche io da cittadina sono indignata. Ma da oggi il mio impegno è quello di cambiare”. “Dopo la campagna informativa partirà la repressione – ha detto Gambacorta -. Con questi dispositivi non vogliamo fare cassa ma prevenire ed educare il cittadino alle corrette pratiche”. 

 

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com