Le Donne si raccontano…una gara di partecipazione e testimonianze ‘in rosa’ della comunità di Rocca di Papa

0

ROCCA DI PAPA / Cultura –  Quanta forza c’è nella Donna e nell’Umanità tutta? Ne siamo consapevoli? Basta vedere un video sulla nascita di uno scricciolo, un bocciolo di donna che ha avuto la fortuna di essere prescelta dal Cielo destinata a una mamma speciale: una combattente nel suo bozzolo in miniatura, che poi cresce e sorride in una lotta che la sfiora senza fiaccarla. Proprio l’emblema di quanto intendeva sottolineare chi ha organizzato Le Donne si raccontano… nell’Aula Consiliare di Rocca di Papa il 9 marzo: si sono raccontate le donne e lo hanno fatto attraverso la Poesia, la Musica e lo Spettacolo e, oltre alle arti musicali e poetiche, anche con la presenza e la disponibilità, con la testimonianza e l’impegno.

Poliedrica la manifestazione organizzata da Anna Brandani con il contributo della Proloco e delle diverse Associazioni locali: Aurora 2000, L’isola che c’è, l’Aquilone Rosa… Fattiva la disponibilità dell’Amministrazione comunale con la presenza di Massimiliano Calcagni e Bruno Fondi: la consigliera Lorena Gatta ha voluto offrire un proprio personale contributo letterario: tutto ciò che provoca emozioni ha diritto di esistere. Ed è esistito, nelle parole dell’atleta olimpionica Gloria Boccanera, testimonial dell’Avis, con un inno alla speranza e un invito a non arrendersi mai; nelle espressioni e testimonianze dei rappresentanti della Protezione civile. Commovente il canto del Coro delle Mani bianche, ragazzi che non cedono e, grazie ai volontari, offrono a chi vive a volte distrattamente la vita, il loro coraggioso esempio per vincere avversità e malattie.

Una gara a chi c’era, a chi offriva, a chi dimostrava impegno e collaborazione: dagli artisti e fotografi che hanno reso ricca e interessante la grande, affollata sala, alle voci di Maria Rita Panci, dei poeti e poetesse e dei cantanti Assunta Serafini e Paolo Valbonesi. Dipinti, foto e realizzazioni artistiche di Oriana Croce, Patrizia Favara, Vittoria Trinca, Pina Geusa, Elisabetta Calicchia, Simona Calcagni, Paola Santangeli e Riccardo Gatta hanno evidenziato come le donne e chi le ama possano dare risalto al bello nei diversi variegati aspetti dell’arte stessa. I versi di Maria Rita Canterani, Matilde Ventura, Albertina Piccioni, Aurora De Luca, Florentina Pagnejer Anna e Mario Giovanetti e della sottoscritta hanno colto nella donna vibrazioni, emozioni, slanci in un canto di poetiche immagini. Intervento interessante contro gli stereotipi e i pregiudizi quello della Dott.ssa Katiuscia Carnà che, anche nell’esempio di una vita coniugale che abbraccia diverse culture e religioni, ha offerto un originale contributo sul ruolo della donna nel saper accettare e condividere diversi punti di vista. Così come pure la Dott.ssa Silvestrini ha puntato la sua attenzione sulla necessità di combattere la violenza di genere, anche attraverso testimonianze e accoglienza nei Centri antiviolenza dove si respira aria di rinascita. Si son raccontate le donne questa sera e si son lasciate – nel ricordo di Ambra, Margherita, Lucia indimenticabili figure femminili che vivono nei ricordi di tutti noi – con dei doni: un bel cuore realizzato dai ragazzi dell’Associazione Aurora 2000 e un presente poetico che le organizzatrici hanno voluto realizzare con i versi recitati durante la serata, prolungamento di emozioni che gli intervenuti hanno potuto portare con sé. 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com