Abusivismo a Rocca di Papa, in Consiglio comunale tante polemiche e pochissime risposte

0

ROCCA DI PAPA /Attualità – Polemiche, battute al vetriolo e le solite strumentalizzazioni hanno condito l’ennesimo Consiglio comunale a Rocca di Papa, dove invece di affrontare seriamente i problemi si scade in una diatriba inutile e lontana dalla cittadinanza. E di cittadini ieri ce ne erano tanti, accorsi per assistere alle comunicazioni del sindaco Emanuele Crestini sul delicato tema della demolizione e delle acquisizioni delle case abusive, che però di risposte non ne ha fornita neanche una.

Del resto il problema non è solo di Rocca di Papa ma di tuti i Comuni afferenti alla Procura della Repubblica che ha deciso di mettere mano ai tanti faldoni impolverati negli archivi comunali per adottare la linea dura sulle sentenze passate in giudicato.

Dopo una lunga attesa, mentre l’assise discuteva di altre interrogazioni e mozioni, poi la sospensione per disordini in aula, e poi ancora nuove polemiche, di fatto il sindaco stesso ha ammesso di non avere alcuna soluzione, pur dando la disponibilità a rimanere dopo la fine dell’assise per intavolare un confronto con l’intera maggioranza.

“A causa di un piano regolatore vetusto per molti cittadini l’abuso è stata l’unica possibilità di avere una casa – ha detto il sindaco – ma noi non possiamo assolvere l’abusivismo dalla sua illegalità. La legge va rispettata anche se dobbiamo considerare la portata del fenomeno nella nostra città e l’emergenza sociale che ne deriverebbe. Io non posso rassicurare nessuno ma ritengo irrealistico che si possano demolire tutte le case. Gli incontri con gli altri Enti non ha portato a nulla di plausibile – ha aggiunto il primo cittadino -. Io però sono il sindaco di tutti, anche di chi ha comprato una casa regolare”.

“Ci sono consiglieri che si divertono a soffiare sul fuoco” ha poi detto Crestini in riferimento a Massimo Grasso (l’unico della minoranza ad aver presentato un’interrogazione sulla tematica) invitandolo a collaborare presentando la sua soluzione.

Cercando di scendere nel concreto il Primo cittadino ha detto di voler istituire una commissione speciale incaricata di fare proposte alla Regione Lazio (ma visto il nulla di fatto dei tanti tavoli intercomunali che si stanno susseguendo la sua valenza appare quanto meno dubbia) ed  ha rilanciato sulla perimetrazione dei nuclei abusivi.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com