I fratelli De Angelis ricevono la cittadinanza onoraria dal Consiglio comunale di Rocca di Papa – Guarda il VIDEO e le FOTO

0

ROCCA DI PAPA / Atualità – “Senza dubbio stiamo parlando di veri e propri fenomeni culturali”. Così il sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini ha presentato Guido e Maurizio De Angelis, i due fratelli del duo musicale Oliver Onions che ieri erano gli ispiti d’onore di un Consiglio straordinario nel quale gli è stata consegnata la cittadnanza onoraria.

Un’assise dunque diversa, con tanto di spaccati musicali e teatrali a cura della cantante Assy e di Massimo Onesti, in cui però non sono mancate le polemiche.

I due fratelli, autori di famosissime colonne sonore – da Sandokan ai film del duo Bud Spencer e Terence Hill – in realtà, anche se questo aspetto è andato perdendosi negli anni tra gli impegni nazionali e internazionali dei De Angelis, sono nati a Rocca di Papa, nel ’44 Guido, nel ’47 Maurizio. Ecco allora che ieri l’occasione è stata anche quella di rivedere vecchi compagni di giochi, di partite a pallone, di rinverdire ricordi di un’infanzia iniziata proprio a Rocca di Papa. “Siamo onorati per questa onorificenza – ha detto al termine del Consiglio Maurizio De Angelis – ma noi non ne avevamo bisogno, perchè noi ci sentiamo già di Rocca di Papa”.

L’idea di conferire la cittadinanza onoraria ai due, oggi sempre più impegnati come produttori cinematografici, è partita dalla cittadinanza stessa, dagli Screpanti in particolare, e fortemente sostenuta dall’associazione di Claudio Botti, L’Alveare. Ma al momento della votazione non tutti i consiglieri si sono espressi in maniera unanime.

“Quando sono stato sindaco ho cercato un contatto ma non è stato possibile per via dei tanti vostri impegni inernazionali – ha detto il consigliere di Articolo Uno – Mdp, Pasquale Boccia -. Ma oggi il contesto della nostra società ci mette in condizione di gioire dei vostri successi e al tempo stesso di sottolineare l’importante vocazione canora della nostra comunità. A cominciare da Massimo e Assunta che, con la loro disponibilità, incarnano oggi l’eccellenza artista della nostra cittadinanza, che vanta tantissimi gruppi musicali ed una sala registrazione per la formazione e l’espressione artistica. Oggi, quindi, la presenza dei fratelli De Angelis ci deve aiutare a pensare come stiamo andando avanti – ha divagato poi Boccia lanciando una stoccata  all’Aministrazione comunale -. Non sono contento di questi undici mesi di governo, perchè credo che solo un buon governo possa dare realmente valore a cerimonie come questa”.

Il gruppo Articolo Uno- Mdp ha dunque poi motivato, per voce del capogruppo Elisa Pucci, il proprio voto di astensione. “Per  noi questo riconoscimento non è necessario perchè voi siete già cittadini di Rocca di Papa – ha detto Pucci -, ma abbiamo voluto essere ugualmente presenti come forma di rispetto e stima nei vostri confronti”. Dello stesso avviso il consigliere Massimo Grasso, che però ha votato contro.

Favorevoli invece i voti di Danilo Romei, Ottavio Atripaldi, e un pò a sorpresa anche quello di Silvia Marika Sciamplicotti.

“Le cittadinanze onorarie si danno per riconoscere  un merito o per far nascere un’opportunita – ha detto Sciamplicotti -. Credo quindi che questa cerimonia debba essere l’inizio di un rapporto diverso tra i fratelli De Angelis e Rocca di Papa, che dia valore alla vostra nascita e al senso di appartenenza a questa comunità”.

“Più di venti anni fa Rocca di Papa si era già ricordata dei fratelli De Angelis – è stato l’intervento di Atripaldi – perchè a loro fu consegnata un’onorificenza nella palestra comunale, cui io ero presente in un’altra veste. Sono d’accordo con questo riconoscimento ma vi chiedo di aiutarci, di aiutare i giovani di Rocca di Papa, facciamo in modo che questa giornaya non rimanga fine a se stessa”.
L’invito è stato accolto con entusiasmo dai fratelli che hanno già lanciato alcune idee in merito ad una rassegna cinematografica che si potrebbe tenere al teatro civico con i film da loro prodotti, compreso l’ultimo di prossima uscita nelle sale, “Piccoli crimini coniugali” con Sergio Castellitto e Margehrita Buy. Ma in cantiere potrebbe esserci anche una rassegna musicale che cinvolga le tante band e cantanti roccheggiani. 
 
Dopo il termine della seduta consiliare, sancita dal Presidente del Consiglio Massimiliano Calcagni, il sindaco Crestini – il quale ha voluto sottolineare la necessità di mettere da parte le polemiche per vivere una giornata di festa – ha consegnato le due riconoscenze a Maurizio e Guido De Angelis, insieme a tutti i consiglieri di maggioranza e a quelli di minoranza che si erano esapressi positivamente, nella corale consapevolezza che c’è un legame tutto da costruire. 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com