Consuntivo e toni alti. Critico Boccia: ‘Il sogno di cambiamento è rimasto tale’

0

ROCCA DI PAPA / Attualità – Una bocciatura senza appelli quella che è arrivata dall’ex primo cittadino ed oggi condigliere di Articolo 1 – Mdp, Pasquale Boccia, durante il Consigio comunale che martedì approvava il consuntivo di bilancio.

“Si sono presentati con un sogno di cambiamento, che tale è rimasto – ha sentenziato Boccia -. In una situazione di grande debolezza che viviamo ormai da tempo, la spinta pur sempre comprensibile delle persone a chiedere e volere il cambiamento, è stata tradita.

Il bilancio di previsione di una compagine amministrative deve avere un anima, un obiettivo chiaro da raggiungere, ed invece loro lo hanno fatto con grande difficoltà, spesso ricalcando le scelte fatte dalla passata amministrazione, e beccandosi anche la lettera della Prefettura per il mancato rispetto dei tempi. Ora nel consuntivo biosogna portare i fatti, i risultati, le valorizzazioni del territorio, invece non cè nulla, il paese è immobile, e il fatto che la stella natalizia sia stata tolta solo pochi giorni fa è sintomo di questa trascuratezza e incapacità”.

Il protagonista dell’assise, come molte volte in precedenza, è stato l’assessore al Bilancio Vincezo Rossetti, che si è lanciato – arrivando a toccare anche toni alti – non solo in disquisizioni tecniche ma anche politiche, soprattutto in riferimento ad un volantino fatto circolare in città sugli aumenti dei compensi degli amministratori.

“Dispiace notare che un professionista come lui – ha aggiunto Boccia – utilizzi un modo di parlare molto politichese, sempre col tentativo di screditare l’amministrazione precedente. Questo comportamento non lo ritengo onesto, e comunque a rispondere su questioni politiche dovrebbe essere il sindaco o altri eletti dai cittadini, e non i tecnici. Mi sarei aspettato, al contrario, che  Rossetti portasse delle novità significative, che invece non si sono viste”.

“Anche per noi chiudere un bilancio non è stato mai facile, soprattutto in questo ultimo periodo di tagli ai trasferimenti e con le continue incertezze e novità amministrative – ma abbiamo sempre rispettato il patto di stabilità e abbiamo anche espresso capacità di recepire importanti finanziamenti che ci hanno permesso di realizzare molte cose. C’è da dire comunque che quando  ero sindaco mi veniva detto in continuazione che dovevo rinunciare alla mia diaria per incrementare il sociale, oggi invece quelle stesse diarie sono addirittura aumentate”.

Toni alti e concitati si sono registrati – si fa per dire visto che le riprese effettuate durante i lavori dall’addetto stampa non vengono più pubblicate – tra Rossetti e la consigliera Silvia Marika Sciamplicotti, che ne ha richiesto il congelamento della delega in attesa di sapere gli esiti delle sanzioni comminate all’assessore al Bilancio in riferimento alla BCC di Tuscolo.

“Io non entrerò mai in questioni personali – ha concluso Boccia – ma dopo oltre un anno è ora di finirla di guardare al passato. Se la città è sporca e se la Tari è aumentata la colpa non è della precedente amministrazione, ma dell’immobilismo di oggi”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com